Efficacia dell’idrogeno orale e topico per le lesioni del tessuto molle legate allo sport

Poiché la terapia con idrogeno molecolare (acqua) è stata trovata utile per il trattamento dell’infiammazione, del danno da ischemia-riperfusione e dello stress ossidativo nell’uomo, sembra utile valutare gli effetti dell’idrogeno molecolare somministrato esogenamente come elemento nella gestione immediata dello sport- lesioni correlate ai tessuti molli. L’obiettivo principale di questo studio pilota era di esaminare gli effetti della somministrazione di 2 settimane di idrogeno molecolare sui marcatori biochimici dell’infiammazione e del recupero funzionale negli atleti professionisti maschi dopo una lesione acuta dei tessuti molli.
METODO:
Durante la stagione 2013 (da marzo a maggio), 36 atleti professionisti sono stati reclutati come partecipanti ed esaminati da uno specialista di medicina dello sport certificato nelle prime 24 ore dopo un infortunio. I soggetti sono stati assegnati a 3 prove assegnate casualmente in un progetto in cieco. Quelli del gruppo di controllo hanno ricevuto un protocollo di trattamento tradizionale per le lesioni dei tessuti molli. I soggetti del primo gruppo sperimentale hanno seguito le stesse procedure del gruppo di controllo, ma con somministrazione aggiuntiva durante lo studio di compresse orali molecolari ricche di idrogeno (2 g al giorno). I soggetti del secondo gruppo sperimentale hanno anche seguito le procedure del gruppo di controllo, con ulteriore somministrazione durante lo studio sia di compresse orali ricche di idrogeno molecolare (2 g al giorno) sia di confezioni topiche molecolari ricche di idrogeno (6 volte al giorno per 20 minuti ). I partecipanti sono stati valutati al momento del rapporto sugli infortuni e 7 e 14 giorni dopo il test di base.
RISULTATI:
È stato riscontrato che l’intervento di idrogeno molecolare orale e topico aumenta la diminuzione della viscosità plasmatica rispetto al gruppo di controllo (P = 0,04). Sono state trovate differenze per il recupero della gamma di movimento tra i 3 gruppi; l’intervento di idrogeno molecolare orale e topico ha portato a un ritorno più rapido alla normale gamma di movimento articolare sia per la flessione che per l’estensione dell’arto ferito rispetto all’intervento di controllo (P <0,05).
CONCLUSIONE:
Questi risultati preliminari supportano l’ipotesi che l’aggiunta di idrogeno molecolare ai protocolli di trattamento tradizionali sia potenzialmente efficace nel trattamento delle lesioni dei tessuti molli negli atleti professionisti di sesso maschile.
Identificazione di prova: Clinicaltrials.gov numero NCT01759498.
PMID: 25295663 DOI: 10.3810 / pgm.2014.09.2813
Postgrad Med. Set 2014; 126 (5): 187-95. doi: 10.3810 / pgm.2014.09.2813

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.