Un nuovo sistema di emodialisi bioattiva che utilizza diidrogeno disciolto (H2) prodotto dall’elettrolisi dell’acqua: una sperimentazione clinica

 Set 2010; 25 (9): 3026-33. doi: 10.1093 / ndt / gfq196. Epub 2010, 12 aprile.

Un nuovo sistema di emodialisi bioattiva che utilizza diidrogeno disciolto (H2) prodotto dall’elettrolisi dell’acqua: una sperimentazione clinica.

1
Tohoku University Hospital, Dipartimento di purificazione del sangue, Sendai, Giappone. mnakayama@mail.tains.tohoku.ac.jp

Astratto

SFONDO:

L’infiammazione cronica nei pazienti in emodialisi (HD) indica una prognosi sfavorevole. Tuttavia, gli approcci terapeutici sono limitati. L’idrogeno gassoso (H (2)) migliora le lesioni ossidative e infiammatorie degli organi nei modelli animali. Abbiamo sviluppato un sistema HD usando una soluzione per dialisi con alti livelli di H disciolto (2) ed esaminato gli effetti clinici.

METODI:

La soluzione di dialisi con H (2) (media di 48 ppb) è stata prodotta miscelando i concentrati di dializzato e l’acqua di osmosi inversa contenente H (2) disciolto generata da una tecnica di elettrolisi dell’acqua. I soggetti comprendevano 21 pazienti stabili su HD standard che sono stati passati all’HD di prova per 6 mesi in tre sessioni a settimana.

RISULTATI:

Durante il periodo di studio, non sono stati osservati segni o sintomi clinici avversi. Durante lo studio è stata osservata una riduzione significativa della pressione arteriosa sistolica (SBP) prima e dopo la dialisi e un numero significativo di pazienti ha raggiunto SBP <140 mmHg dopo HD (basale, 21%; 6 mesi, 62%; P <0,05). I cambiamenti nei parametri di dialisi sono stati minimi, mentre sono state identificate riduzioni significative dei livelli di proteina 1 dei chemioattraenti plasmatici monociti (P ​​<0,01) e mieloperossidasi (P <0,05).

CONCLUSIONI:

L’aggiunta di H (2) alle soluzioni di emodialisi ha migliorato le reazioni infiammatorie e migliorato il controllo della PA. Questo sistema potrebbe offrire una nuova opzione terapeutica per il controllo dell’uremia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.