Archivi categoria: Uncategorized

 sicurezza e la Vantaggi per la salute dell’acqua idrogenata – Candidato al premio Nobel, Dr. GARTH NICOLSON


 sicurezza e la Vantaggi per la salute d’acqua idrogenata – Candidato al premio Nobel, Dr. GARTH NICOLSON

Somministrazione transperitoneale di idrogeno disciolto per pazienti in dialisi peritoneale: un nuovo approccio per sopprimere lo stress ossidativo nella cavità peritoneale

Astratto

sfondo

Lo stress ossidativo (OS) correlato ai prodotti di degradazione del glucosio come il metilgliossale è riferito associato al deterioramento peritoneale nei pazienti trattati con dialisi peritoneale (PD). Tuttavia, l’uso di agenti antiossidanti generali è limitato a causa dei loro effetti dannosi. Questo studio mirava a chiarire l’influenza del nuovo idrogeno molecolare antiossidante (H 2 ) sull’OS peritoneale usando lo stato redox dell’albumina come marcatore.

metodi

Durante il test di equilibrio peritoneale sono stati ottenuti campioni di sangue ed effluenti di 6 pazienti con PD normale usando dializzati standard e dializzati arricchiti con idrogeno. Lo stato redox dell’albumina nell’effluente e nel sangue è stato determinato mediante cromatografia liquida ad alte prestazioni.

risultati

La percentuale media di albumina ridotta (ƒ (HMA)) nell’effluente era significativamente più alta nel dializzato arricchito con H 2 (62,31 ± 11,10%) rispetto al dializzato standard (54,70 ± 13,08%). Allo stesso modo, il siero ƒ (HMA) dopo la somministrazione di dializzato arricchito con idrogeno (65,75 ± 7,52%) era significativamente più alto di quello dopo dializzato standard (62,44 ± 7,66%).

conclusioni

La somministrazione trans-peritoneale di H 2 riduce l’OS peritoneale e sistemico.

sfondo

Il deterioramento peritoneale è una delle complicanze più gravi della terapia per dialisi peritoneale (PD), che porta al fallimento dell’ultrafiltrazione e alla complicanza più grave dell’incapsulamento della sclerosi peritoneale (EPS). All’aumentare della durata della PD, aumenta anche il rischio di deterioramento peritoneale [ 1 ]. Oltre il 40% dei pazienti in Giappone sottoposti a trattamento PD per più di 8 anni lo ha interrotto a causa della progressione del danno peritoneale [ 2 ]. I meccanismi patologici del danno peritoneale sono multifattoriali, ma i dati accumulati hanno rivelato il ruolo critico dei prodotti finali di degradazione del glucosio (PIL), cioè composti carbonilici chimicamente reattivi. Il metilgliossale (MG) è uno dei PIL tossici rappresentativi, causando effetti dannosi a causa della sua natura ossidativa rapida e indiscriminata [ 3 ] e della sua produzione di specie tossiche reattive dell’ossigeno (ROS) come il radicale idrossile, il radicale metilico e il carbonio indeterminato radicali centrati [ 4 ]. Questi erano presenti nel dializzato convenzionale ed entrano anche nel dializzato dal plasma uremico [ 5 ]. Il dializzato a basso PIL biocompatibile è attualmente disponibile, ma uno studio multicentrico giapponese a livello nazionale, lo studio NEXT-PD [ 6 ], ha rivelato la presenza di EPS anche con l’uso di soluzioni a basso PIL [in fase di presentazione]. Ciò indica la necessità di nuovi approcci terapeutici per sopprimere possibili insulti da stress ossidativo aumentato (OS) a causa di ossidanti uremici nella cavità peritoneale.

Recentemente, è stato rivelato il nuovo ruolo dell’idrogeno molecolare (H 2 ) come antiossidante. L’H 2elimina il radicale idrossile nelle cellule in coltura e negli organismi viventi [ 7 ]. È interessante notare che l’H 2 non influenza altri ROS, inclusi superossido, perossido e ossido nitrico; questi ROS svolgono importanti ruoli fisiologici nel corpo [ 8 ]. Nell’uomo, la sicurezza di H 2 è stata testata, in particolare nel campo delle immersioni profonde. Contrariamente ai farmaci generali, che di solito hanno alcuni effetti dannosi, nessuna tossicità è stata trovata anche ad alte concentrazioni di H 2 [ 9 ]. L’H 2 ha quindi un potenziale terapeutico per gli stati patologici correlati al ROS [ 10 ].

Il presente studio ha testato gli effetti del dializzato peritoneale contenente un’alta concentrazione di idrogeno molecolare (dializzato arricchito con H 2 ) come nuovo antiossidante tra i pazienti trattati con PD.Di conseguenza, abbiamo dimostrato che l’uso del dializzato arricchito con idrogeno potrebbe ridurre non solo il sistema peritoneale, ma anche l’OS sistemica in contesti clinici.

metodi

Preparazione del dializzato arricchito con idrogeno

Il dializzato arricchito con idrogeno è stato preparato utilizzando il dissolutore di idrogeno non distruttivo MiZ (MiZ, Kanagawa, Giappone), come riportato altrove [ 11 ]. Quando il dializzato peritoneale commerciale viene immerso in acqua arricchita con H 2 , l’idrogeno permea attraverso il contenitore, determinando un aumento progressivo della concentrazione di H 2 del dializzato in modo dipendente dal tempo (Figura 1 ). Abbiamo preparato il dializzato arricchito con H 2 usando questo apparecchio immergendo i sacchetti di dializzato peritoneale commerciale per più di 2 ore. Il dializzato arricchito con idrogeno è stato quindi applicato come soluzione di prova per i test di equilibrio peritoneale.

An external file that holds a picture, illustration, etc. Object name is 2045-9912-3-14-1.jpg

Dissolutore di idrogeno non distruttivo MiZ (A) e concentrazione di idrogeno del dializzato peritoneale in acqua satura di idrogeno (B). La concentrazione di idrogeno di dializzato e acqua satura di idrogeno attorno al dializzato è stata misurata usando un apparecchio di misura H 2 disciolto DH-35A (DKK-TOA, Tokyo, Giappone).

pazienti

Sono stati studiati sei pazienti maschi con PD (età media, 55 anni; intervallo, 44-71 anni; lunghezza del PD, 39 ± 17 mesi; peso, 68,1 ± 16,1 kg; altezza, 166,2 ± 5,6 cm). La patologia alla base della malattia renale allo stadio terminale era la seguente: glomerulonefrite cronica, n = 3; nefropatia diabetica, n = 2; e nefropatia ipertensiva, n = 1. I pazienti con infezione attiva, sanguinamento, disfunzione epatica, malattia del collagene, vasculite sistemica, incidente cardiovascolare entro 6 mesi o neoplasie sono stati esclusi da questo studio. Lo stato delle prestazioni di tutti i pazienti era di classe 1 secondo i criteri dell’American Heart Association [ 12 ]. Tutti i pazienti avevano ricevuto PD ambulatoriale continuo giornaliero (3-4 borse / giorno) usando una soluzione di destrosio neutra a basso PIL. Il comitato etico dell’Università medica di Fukushima ha approvato questo protocollo di studio (Accettazione n. 1362) e il consenso informato scritto è stato ottenuto da tutti i pazienti prima dell’arruolamento.

Protocollo

I pazienti sono stati sottoposti a un test di equilibrazione peritoneale semplificato (PET veloce) con dializzato standard, quindi sono stati sottoposti a PET veloce con dializzato arricchito con idrogeno 2 settimane dopo. La PET veloce è stata condotta secondo il metodo di Twardowski [ 13 ]. In breve, il dializzato peritoneale (2 L di destrosio-dializzato al 2,5%) è stato infuso intraperitoneale con un catetere Tenckhoff e l’intero volume del dializzato è stato drenato dal corpo dopo 240 minuti. L’effluente drenato è stato ben miscelato e 2 mL sono stati raccolti come campione di effluente. Campioni di sangue sono stati ottenuti prima e dopo la PET veloce, quindi 2 mL di siero sono stati prelevati dopo la centrifugazione e conservati a -80 ° C per 1–4 settimane fino all’analisi. I campioni di siero e di effluente raccolti per misurare il redox dell’albumina sono stati conservati a -80 ° C per 1-4 settimane fino all’analisi. Durante la PET veloce, la pressione sanguigna, il polso cardiaco e la concentrazione di idrogeno nel respiro sono stati misurati ripetutamente ogni 60 minuti. La concentrazione di idrogeno nel respiro è stata misurata anche in tre casi subito dopo, 15 minuti dopo e 30 minuti dopo l’infusione di dializzato arricchito con H 2 . La concentrazione di idrogeno nel respiro è stata misurata usando un apparato di misurazione H 2 BGA-1000D di gas biologico (gas nella cavità orale) (Aptec, Kyoto, Giappone).

Misura dello stato redox dell’albumina

L’albumina sierica umana (HSA) è una proteina composta da 585 aminoacidi. Il residuo amminico nella posizione 34 dall’N-terminus è una cisteina, contenente un gruppo mercapto (gruppo SH). Questo gruppo mercapto disossida altre sostanze in base al grado di OS circostante ed è esso stesso ossidato. Dal punto di vista dei residui di cisteina, l’HSA è una miscela di mercaptoalbumina umana (HMA) in cui il gruppo mercapto non è ossidato, la non mercaptoalbumina umana 1 in cui la formazione di legame disolfuro è ossidata reversibilmente principalmente dalla cisteina (HNA-1), e umana non mercaptoalbumina-2 che è fortemente ossidata e forma un gruppo solfinico (-SO 2 H) o solfonico (-SO 3 H).

Lo stato redox di HSA è stato determinato utilizzando la cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC), come precedentemente riportato [ 14 ]. Il sistema HPLC consisteva in un autocampionatore (AS-8010; Tosoh, Tokyo, Giappone; volume di iniezione, 2 μL) e pompa a doppio pistone (CCPM; Tosoh) in combinazione con un controller di sistema (CO-8011; Tosoh). I cromatografi sono stati ottenuti utilizzando un rilevatore di vicoli con fotodiodo UV6000LP (area di rilevamento, 200–600 nm con step di 1 nm; Thermo Electron, Waltham, MA, USA). In questo studio è stata utilizzata una colonna Shodex-Asahipak ES-502N 7C (ID 10 × 0,76 cm, forma DEAE per HPLC a scambio ionico; Showa Denko, Tokyo, Giappone; temperatura della colonna, 35 ± 0,5 ° C). L’elusione è stata eseguita come elusione a gradiente lineare con concentrazioni graduali di etanolo (da 0 a 1 min, 0%; da 1 a 50 min, 0 → 10%; da 50 a 55 min, 10 → 0%; da 55 a 60 min, 0%) per siero in 0,05 M di acetato di sodio e 0,40 M di solfato di sodio (pH 4,85) a una portata di 1,0 mL / min. La disaerazione della soluzione tampone è stata eseguita mediante gorgogliamento di elio.

I profili HPLC ottenuti da queste procedure sono stati sottoposti a adattamento della curva numerica con il software di simulazione PeakFit versione 4.05 (SPSS Science, Chicago, IL, USA) e ogni forma di picco è stata approssimata da una funzione gaussiana. Sono stati quindi calcolati i valori per le frazioni di HMA, HNA-1 e HNA-2 rispetto all’HSA totale (ƒ (HMA), ƒ (HNA-1) e ƒ (HNA-2), rispettivamente).

analisi statistica

I valori sono espressi come media ± deviazione standard se non diversamente indicato. Per l’analisi statistica è stato utilizzato il software statistico StatView versione 5.0 (SAS Institute, Cary, NC, USA). Il significato dei dati raccolti è stato valutato utilizzando un’analisi di varianza (ANOVA) t- test o 1 fattore accoppiata seguita dal test di Scheffe come test post-hoc, a seconda dei casi. Per grandezza della correlazione, è stato usato il coefficiente di correlazione ( R ) di Pearson. Differenze o correlazioni sono state considerate significative per valori di P <0,05.

risultati

La tabella 1 mostra i cambiamenti della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e della concentrazione di idrogeno nel respiro durante la PET veloce. Per quanto riguarda la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, non è stata osservata alcuna differenza significativa tra il dializzato arricchito con standard e arricchito con H 2 (test t associato). Non sono stati osservati cambiamenti significativi durante la PET veloce in dializzato arricchito con standard o arricchito con H 2 (ANOVA a ripetizione a 1 fattore).

Tabella 1

I cambiamenti della pressione sanguigna, del polso cardiaco e della concentrazione di respiro H2 durante la PET veloce

Dializzato standard Dializzato arricchito con H2
Pressione sanguigna mmHg




0 min


130 ± 12/79 ± 10


135 ± 13/81 ± 10


60 min


130 ± 11/79 ± 5


131 ± 14/82 ± 12


120 min


125 ± 9/79 ± 7


134 ± 8/80 ± 14


180 min


123 ± 12/75 ± 12


136 ± 5/78 ± 12


240 min


128 ± 9/78 ± 7


132 ± 9/81 ± 13


Impulso / min




0 min


81 ± 7


82 ± 12


60 min


76 ± 6


79 ± 12


120 min


74 ± 6


78 ± 14


180 min


77 ± 4


78 ± 17


240 min


78 ± 7


81 ± 15


Respirazione H2 ppm




0 min


4,7 ± 6,6


3,2 ± 2,0


60 min


1,8 ± 1,3


8,3 ± 7,5 *


120 min


3,0 ± 1,7


8,5 ± 11,0


180 min


4,2 ± 2,8


5,8 ± 4,8


240 min 5,5 ± 6,7 7,2 ± 4,6

*; p <0,05 rispetto al dializzato standard.

I cambiamenti nella concentrazione di idrogeno nel respiro sono mostrati in Tabella 1 e Figura 2 (A, B).Sebbene non siano stati osservati cambiamenti significativi durante il PET veloce sia nel dializzato arricchito con standard sia con H 2 , la concentrazione di idrogeno a 60 min era significativamente più elevata nel dializzato arricchito con H 2 rispetto al dializzato standard.

An external file that holds a picture, illustration, etc. Object name is 2045-9912-3-14-2.jpg

Variazione della concentrazione di idrogeno nel respiro durante la PET veloce. A ) Cambio orario del PET usando dializzato standard. Non sono stati osservati cambiamenti significativi. B ) Cambio orario durante PET utilizzando dializzato arricchito con H 2 . La concentrazione di idrogeno a 60 min era significativamente più alta nel dializzato arricchito con H 2 rispetto al dializzato standard. C ) Concentrazioni di idrogeno nel respiro prima, subito dopo, 15 minuti dopo e 30 minuti dopo la somministrazione del dializzato arricchito con H 2 in tre casi. Le concentrazioni di idrogeno subito dopo e 15 minuti dopo la somministrazione erano significativamente più alte di quelle precedenti la somministrazione.

Le concentrazioni di idrogeno nel respiro prima, subito dopo, 15 minuti dopo e 30 minuti dopo la somministrazione del dializzato arricchito con H 2 in tre casi sono mostrate nella Figura 2 C. Le concentrazioni di idrogeno erano significativamente più alte subito dopo e 15 minuti dopo la somministrazione (22,7 ± 5,7 e 15,3 ± 3,5 ppm, rispettivamente) rispetto a prima della somministrazione (4,0 ± 1,7 ppm).

La Figura 3 mostra lo stato redox dell’albumina nel liquido di scarico. La percentuale media di HMA (ƒ (HMA)) era significativamente più alta nel dializzato arricchito con H 2 (62,31 ± 11,10%) rispetto al dializzato standard (54,70 ± 13,08%). Al contrario, ƒ (HNA-1) era significativamente più basso nel dializzato arricchito con H 2 ( 34,26 ± 10,24%) rispetto al dializzato standard (41,36 ± 12,04%). Come ƒ (HNA-1), ƒ (HNA-2) era significativamente inferiore nel dializzato arricchito con H 2 (3,43 ± 0,92%) rispetto al dializzato standard (3,94 ± 1,13%). Questi risultati suggeriscono che l’uso del dializzato arricchito con H 2 ha ridotto l’OS peritoneale. Per quanto riguarda il risultato dei livelli rapidi di PET (D / P-Cre, volume drenato) ed effluente di creatinina, albumina, interleuchina 6 e antigene carboidrato 125, non sono emerse differenze tra il dializzato standard e arricchito con H 2 (Tabella 2 ).

An external file that holds a picture, illustration, etc. Object name is 2045-9912-3-14-3.jpg

Stato redox dell’albumina nel liquido effluente. La percentuale media di albumina ridotta (ƒ (HMA)) era significativamente più alta ( A ) e quella di albumina ossidata (ƒ (HNA-1) ( B ) e ƒ (HNA-2)) ( C ) era significativamente più bassa in H 2 dializzato arricchito rispetto al dializzato standard.

Tavolo 2

I risultati del valore sierico di creatinina, test rapido di PET ed effluenti

Dializzato standard Dializzato arricchito con H2
Creatinina mg / dL


10,53 ± 2,27


10,03 ± 2,19


Parametro di PET veloce




D / P-Cre


0,71 ± 0,12


0,66 ± 0,11


Volume sgocciolato ml / 4 ore


470 ± 184


442 ± 130


Test degli effluenti




Albumina mg / L


408 ± 175


402 ± 145


Interleuchina-6 pg / mL


6,0 ± 3,3


5,5 ± 2,3


CA125 U / mL 18,8 ± 8,5 19,5 ± 5,0

La Figura 4 mostra lo stato redox dell’albumina nel siero prima e dopo la PET veloce. Il livello sierico H (HMA) dopo la somministrazione del dializzato arricchito con H 2 (65,75 ± 7,52%) era significativamente più alto di quello dopo il dializzato standard (62,44 ± 7,66%). Al contrario, ƒ (HNA-1) dopo la somministrazione del dializzato arricchito con H 2 (31,12 ± 6,73%) era significativamente inferiore a quello del dializzato standard (34,73 ± 7,02%). Questi risultati suggeriscono che l’uso del dializzato arricchito con H 2 ha ridotto non solo l’OS peritoneale, ma anche l’OS sistemico. Nessuna differenza significativa è stata osservata tra i livelli di effluente e siero ƒ (HMA) dopo la somministrazione di dializzato arricchito con H 2 ( 65,31 ± 11,10% e 62,71 ± 7,52%, rispettivamente), mentre l’effluente ƒ (HMA) dopo la somministrazione di dializzato standard era significativamente inferiore rispetto al siero ƒ (HMA) prima della somministrazione del dializzato standard (54,70 ± 13,08% e 62,96 ± 8,34%, rispettivamente; P = 0,0339), suggerendo che l’ossidazione intraperitoneale dell’albumina è stata soppressa dal dializzato arricchito con H 2 .

An external file that holds a picture, illustration, etc. Object name is 2045-9912-3-14-4.jpg

Stato redox dell’albumina nel siero prima e dopo la PET veloce. La proporzione media di albumina ridotta (ƒ (HMA)) era significativamente più alta dopo PET veloce con dializzato arricchito con H 2 rispetto a quello con dializzato standard ( A ). Al contrario, la percentuale media di albumina ossidata reversibilmente (ƒ (HNA-1)) era significativamente più bassa dopo PET veloce usando dializzato arricchito con H 2 rispetto a quella dopo aver usato dializzato standard ( B ). Non sono stati riscontrati cambiamenti significativi nell’albumina ossidata irreversibilmente (ƒ (HNA-2)) in entrambi i gruppi ( C ).

Discussione

Numerose segnalazioni hanno suggerito che l’OS partecipa al deterioramento peritoneale, con risultati come una forte colorazione citoplasmatica dell’8-idrossi-2′-desossiguanosina in campioni di biopsia peritoneale in pazienti con PD a lungo termine [ 15 ], segnalazione della proteina chinasi C amplificata ed espressione della fibronectina dovuta al ROS potenziato nelle cellule mesoteliali umane coltivate [ 16 ]. In termini di ruolo centrale del sistema operativo avanzato nel danno peritoneale del PD, Gunal et al. 17 ] hanno mostrato che l’integrazione orale con l’agente antiossidante trimetazidina ha inibito il deterioramento morfologico e funzionale del peritoneo in un modello di ratto PD. Tuttavia, per quanto riguarda la soppressione dell’OS, finora non sono stati disponibili approcci clinici per il trattamento della PD.

Il presente studio mirava a testare la possibilità terapeutica di utilizzare idrogeno disciolto nel dializzato per sopprimere l’OS all’interno della cavità in ambito clinico. Questo studio ha esaminato lo stato redox dell’albumina come marcatore di OS. Poiché il cambiamento nello stato redox dell’albumina è una reazione fisiologica e diretta, è appropriato quando si valuta l’OS in tempo reale e / o si rilevano cambiamenti rapidi nell’OS, rispetto ad altri marcatori OS come 8-idrossi-2 ‘- desossiguanosina , lipoproteine ​​ossidate a bassa densità e isoprotanes F2, che sono tutti sottoprodotti in vivo durante il processo di ossidazione.

Questo studio pilota su 6 pazienti ha dimostrato chiaramente che la singola somministrazione di dializzato arricchito con H 2 ha aumentato i livelli sia del peritoneale che del plasma ƒ (HMA) senza effetti dannosi.

La somministrazione intraperitoneale di H 2 ha alterato lo stato redox locale, il che può indicare il potenziale terapeutico del rilascio di H 2 direttamente nella cavità addominale rispetto al miglioramento del danno peritoneale mediante trattamento PD. D’altra parte, è interessante notare che significativi aumenti dei livelli sierici H (HMA) sono stati osservati nella somministrazione intraperitoneale di H 2 . I rapidi cambiamenti nella concentrazione di idrogeno del gas espirato dopo la somministrazione del dializzato arricchito con H 2 possono significare che l’idrogeno molecolare nel dializzato viene rapidamente distribuito al corpo per sopprimere l’OS sistemica. Un’altra possibilità è che l’aumento della ƒ (HMA) nella cavità possa essere reclutato nella circolazione sistemica attraverso il drenaggio linfatico addominale. Gli esatti meccanismi alla base dell’aumento del siero ƒ (HMA) devono essere affrontati in futuro.

Inoltre, i meccanismi di aumento ear (HMA) e diminuzione ƒ (HMA1) di H 2 non sono ancora chiari in questo studio. Tuttavia, è noto che l’idrogeno molecolare riduce direttamente i livelli del radicale idrossile citotossico [ 7 ], attraverso diversi possibili meccanismi, come la regolazione di particolari metalloproteine ​​mediante legame o interazioni metalloproteina-idrogeno [ 18 ]. In futuro si dovrebbe chiarire se l’H 2reagisce direttamente con il residuo di mercapto dell’albumina o se l’H 2 lo modifica indirettamente.

È stata segnalata una capacità antiossidativa soddisfacente di bere acqua arricchita con H 2 senza effetti dannosi, sia in contesti sperimentali [19-23] che clinici, ad esempio diabete mellito di tipo II [ 24 ], sindrome metabolica [ 25 ], miopatie ( distrofia muscolare progressiva e polimiosite / dermatomiosite) [ 26] e artrite reumatoide [ 27 ]. Inoltre, abbiamo anche riportato la fattibilità clinica dell’applicazione di acqua arricchita con H 2 come dializzato per il trattamento dell’emodialisi [ 28 , 29 ]. Dati questi rapporti e i nostri risultati attuali, il dializzato peritoneale arricchito con H 2 potrebbe essere di interesse negli studi clinici per quanto riguarda la conservazione peritoneale. Inoltre, gli effetti terapeutici sembrano plausibili in termini di prevenzione di eventi cardiovascolari nei pazienti, poiché la bassa f (HMA) è stata un fattore di rischio significativo per la mortalità cardiovascolare tra i pazienti trattati con PD [ 30 ] e HD [ 14 ].

In sintesi, la singola somministrazione di dializzato arricchito con H 2 ha ridotto l’OS peritoneale e sistemico senza effetti dannosi. È garantito uno studio longitudinale per garantire effetti clinicamente benefici, come la soppressione del deterioramento peritoneale e il danno cardiovascolare.

Somministrazione transperitoneale di idrogeno disciolto per pazienti in dialisi peritoneale: un nuovo approccio per sopprimere lo stress ossidativo nella cavità peritoneale

Interessi conflittuali

Gli autori dichiarano di non avere interessi in gioco.

Contributi degli autori

HT, YH e WJZ hanno effettuato le selezioni dei pazienti e le raccolte di campioni. HT ha redatto il manoscritto. YM, TT e SE hanno effettuato le misurazioni dei campioni. SK e TW hanno contribuito allo studio come consulenti senior. BS ha effettuato l’installazione del sistema di apparecchiature per lo studio.MN organizzò il progetto di studio e redasse il manoscritto finale. Tutti gli autori hanno letto e approvato il manoscritto finale.

Riferimenti

  • Yamamoto R, Otsuka Y, Nakayama M, Maruyama Y, Katoh N, Ikeda M, Yamamoto H, Yokoyama K, Kawaguchi Y, Matsushima M. Fattori di rischio per l’incapsulamento della sclerosi peritoneale in pazienti che hanno subito un trattamento di dialisi peritoneale. Clin Exp Nephrol. 2005; 9 : 148–152.doi: 10.1007 / s10157-005-0349-8. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Kawaguchi Y, Ishizaki T, Imada A, Oohira S, Kuriyama S, Nakamoto H, Nakamoto M, Hiramatsu M, Maeda K, Ota K. Gruppo di studio per il ritiro dal PD in Giappone: ricerca dei motivi per l’abbandono della dialisi peritoneale : un sondaggio nazionale in Giappone. Perit Dial Int. 2003; 23(Suppl 2): ​​S175–177. PubMed ] Google Scholar ]
  • Glomb MA, Monnier VM. Meccanismo di modificazione proteica da gliossale e glicalaldeide, intermedi reattivi della reazione di Maillard. J Biol Cham. 1995; 270 : 10017–10026. doi: 10.1074 / jbc.270.17.10017. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Nakayama M, Saito K, Sato E, Nakayama K, Terawaki H, Ito S, Kohno M. Generazione radicale per reazione non enzimatica di metilgliossale e perossido di idrogeno. Redox Rep. 2007; 12 : 125–133.doi: 10.1179 / 135100007X200182. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Terawaki H, Nakao M, Nakayama K, Nakayama M, Kimura A, Takane K, Mitome J, Hamaguchi A, Ogura M, Yokoyama K, Ito S, Hosoya T. Autorizzazione peritoneale e trasporto di metilgliossale.Nephrol Dial Transplant. 2011; 26 : 753–754. doi: 10.1093 / ndt / gfq698. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Kawanishi H, Nakayama M, Miyazaki M, Honda K, Tomo T, Kasai K, Nakamoto H. Gruppo di studio NEXT-PD: studio osservazionale multicentrico prospettico dell’incapsulamento della sclerosi peritoneale con soluzione di dialisi neutra – lo studio NEXT-PD. Adv Perit Dial. 2010; 26 : 71–74. PubMed ] Google Scholar ]
  • Ohsawa I, Ishikawa M, Takahashi K, Watanabe M, Nishimaki K, Yamagata K, Katsura K, Katayama Y, Asoh S, Ohta S. L’idrogeno agisce come antiossidante terapeutico riducendo selettivamente i radicali citotossici dell’ossigeno. Nat Med. 2007; 13 : 688–694. doi: 10.1038 / nm1577. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Abraini JH, Gardette-Chauffour MC, Martinez E, Rostain JC, Lemaire C. Reazioni psicofisiologiche nell’uomo durante un’immersione in mare aperto a 500 m con una miscela idrogeno-elio-ossigeno. J Appl Physiol. 1994; 76 : 1113-1118. PubMed ] Google Scholar ]
  • Fontanari P, Badier M, Guillot C, Tomei C, Burnet H, Gardette B, Jammes Y. Cambiamenti nelle prestazioni massime dei muscoli inspiratori e scheletrici durante e dopo l’immersione umana da 7,1 MPa Hydra 10. Eur J Appl Physiol. 2000; 81 : 325–328. doi: 10.1007 / s004210050050. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Ohta S. Recenti progressi verso la medicina dell’idrogeno: potenziale dell’idrogeno molecolare per applicazioni preventive e terapeutiche. Curr Pharm Des. 2011; 17 : 2241–52. doi: 10.2174 / 138161211797052664. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Abe T, Li XK, Yazawa K, Hatayama N, Xie L, Sato B, Kakuta Y, Tsutahara K, Okumi M, Tsuda H, Kaimori JY, Isaka Y, Natori M, Takahara S, Nonomura N. Università ricca di idrogeno di La soluzione di Wisconsin attenua il danno renale da ischemia-riperfusione fredda. Trapianto. 2012; 94 : 14–21. PubMed ] Google Scholar ]
  • American Heart Association: criteri per la valutazione della gravità della malattia renale accertata.Rapporto del consiglio sui reni nelle malattie cardiovascolari. Circolazione. 1971; 44 : 306–307. PubMed ] Google Scholar ]
  • Twardowski ZJ. PET-un approccio più semplice per determinare le prescrizioni per un’adeguata terapia dialitica. Adv Perit Dial. 1990; 6 : 186–191. PubMed ] Google Scholar ]
  • Terawaki H, Takada Y, Era S, Funakoshi Y, Nakayama K, Nakayama M, Ogura M, Ito S, Hosoya T. Lo stato redox di albumina e grave incidenza cardiovascolare nei pazienti in emodialisi. Quadrante Apher. 2010; 14 : 465–471. doi: 10.1111 / j.1744-9987.2010.00841.x. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Ishibashi Y, Sugimoto T, Ichikawa Y, Akatsuka A, Miyata T, Nangaku M, Tagawa H, Kurokawa K. Il dializzato del glucosio induce danno del DNA mitocondriale nelle cellule mesoteliali peritoneali.Perit Dial Int. 2002; 22 : 11–21. PubMed ] Google Scholar ]
  • Lee HB, Yu MR, Song JS, Ha H. Le specie reattive dell’ossigeno amplificano la segnalazione della proteina chinasi C in espressione di fibronectina indotta da glucosio elevato da cellule mesoteliali peritoneali umane. Int. Rene 2004; 65 : 1170-1179. doi: 10.1111 / j.1523-1755.2004.00491.x. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Gunal AI, Celiker H, Ustundag B, Akpolat N, Dogukan A, Akcicek F. L’effetto dell’inibizione dello stress ossidativo con trimetazidina sulle alterazioni peritoneali indotte dalla soluzione di dialisi peritoneale ipertonica. J Nephrol. 2003; 16 : 225–230. PubMed ] Google Scholar ]
  • Shi P, Sun W, Shi P. Un’ipotesi sul meccanismo chimico dell’effetto dell’idrogeno. Med Gas Res.2012; 2 : 17. doi: 10.1186 / 2045-9912-2-17. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Ohsawa I, Nishimaki K, Yamagata K, Ishikawa M, Ohta S. Il consumo di acqua a idrogeno previene l’aterosclerosi nei topi knockout per apolipoproteina E. Biochem Biophys Res Commun. 2008; 377 : 1195-1198. doi: 10.1016 / j.bbrc.2008.10.156. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Sato Y, Kajiyama S, Amano A, Kondo Y, Sasaki T, Handa S, Takahashi R, Fukui M, Hasegawa G, Nakamura N, Fujinawa H, Mori T, Ohta M, Obayashi H, Maruyama N, Ishigami A. Hydrogen- la ricca acqua pura previene la formazione di superossido nelle fette cerebrali di topi knockout SMP30 / GNL con deplezione di vitamina C. Biochem Biophys Res Commun. 2008; 375 : 346–350. doi: 10.1016 / j.bbrc.2008.08.020. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Nakashima-Kamimura N, Mori T, Ohsawa I, Asoh S, Ohta S. L’idrogeno molecolare allevia la nefrotossicità indotta dal cisplatino antitumorale senza compromettere l’attività antitumorale nei topi.Cancro Chemother Pharmacol. 2009; 64 : 753–761. doi: 10.1007 / s00280-008-0924-2. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Cardinale JS, Zhan J, Wang Y, Sugimoto R, Tsung A, McCurry KR, Billar TR, Nakao A. L’acqua di idrogeno orale previene la nefropatia cronica da allotrapianto nei ratti. Int. Rene 2010; 77 : 101–109.doi: 10.1038 / ki.2009.421. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Zhu WJ, Nakayama M, Mori T, Nakayama K, Katoh J, Murata Y, Sato T, Kabayama S, Ito S. L’assunzione di acqua con alti livelli di idrogeno disciolto (H 2 ) sopprime la lesione cardio-renale indotta dall’ischemia in Dahl ratti sensibili al sale. Nephrol Dial Transplant. 2011; 26 : 2112–2118.doi: 10.1093 / ndt / gfq727. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Kajiyama S, Hasegawa G, Asano M, Hosoda H, Fukui M, Nakamura N, Kitawaki J, Imai S, Nakano K, Ohta M, Adachi T, Obayashi H, Yoshikawa T. L’integrazione di acqua ricca di idrogeno migliora il metabolismo dei lipidi e del glucosio in pazienti con diabete di tipo 2 o ridotta tolleranza al glucosio. Nutr. 2008; 28 : 137–143. doi: 10.1016 / j.nutres.2008.01.008. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Nakao A, Toyoda Y, Sharma P, Evans M, Guthrie N. Efficacia dell’acqua ricca di idrogeno sullo stato antiossidante di soggetti con potenziale sindrome metabolica – uno studio pilota in aperto. J Clin Biochem Nutr. 2010; 46 : 140–149. doi: 10.3164 / jcbn.09-100. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Ito M, Ibi T, Sahashi K, Ichihara M, Ito M, Ohno K. Studio in aperto e studio crossover randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo su acqua arricchita di idrogeno per miopatie mitocondriali e infiammatorie. Med Gas Res. 2011; 1 : 24. doi: 10.1186 / 2045-9912-1-24.Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Ishibashi T, Sato B, Rikitake M, Seo T, Kurokawa R, Hara Y, Naritomi Y, Hara H, Nagao T. Il consumo di acqua contenente un’alta concentrazione di idrogeno molecolare riduce lo stress ossidativo e l’attività della malattia nei pazienti con artrite reumatoide: un studio pilota in aperto.Med Gas Res. 2012; 2 : 27. doi: 10.1186 / 2045-9912-2-27. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Nakayama M, Kabayama S, Nakano H, Zhu WJ, Terawaki H, Nakayama K, Katoh K, Satoh T, Ito S. Effetto biologico dell’acqua elettrolizzata nell’emodialisi. Nephron Clin Pract. 2009; 112 : c9–15.doi: 10.1159 / 000210569. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Nakayama M, Nakano H, Hamada H, Itami N, Nakazawa R, Ito S. Un nuovo sistema di emodialisi bioattiva che utilizza diidrogeno disciolto (H 2 ) prodotto dall’elettrolisi dell’acqua: una sperimentazione clinica. Nephrol Dial Transplant. 2010; 25 : 3026–3033. doi: 10.1093 / ndt / gfq196.PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]
  • Terawaki H, Matsuyama Y, Matsuo N, Ogura M, Mitome J, Hamaguchi A, Terada T, Era S, Hosoya T. Un livello inferiore di albumina ridotta provoca una grave incidenza cardiovascolare tra i pazienti in dialisi peritoneale. Clin Exp Nephrol. 2012; 16 : 629–635. doi: 10.1007 / s10157-012-0610-x. PubMed ] [ CrossRef ] Google Scholar ]

Gli articoli di Medical Gas Research sono forniti qui per gentile concessione di Wolters Kluwer – Medknow Publications

acqua idrogenata sull’attività antiossidante e sulla flora intestinale nelle calciatrici

Astratto

Spendere una notevole quantità di energia fisica porta inevitabilmente alla fatica durante l’allenamento e la competizione nel calcio. Un numero crescente di risultati sperimentali ha confermato la relazione tra la generazione e l’eliminazione di radicali liberi, affaticamento e lesioni da esercizio fisico. Di recente, l’idrogeno è stato identificato come un nuovo antiossidante selettivo con potenziali applicazioni benefiche nello sport. Il presente studio ha valutato l’effetto del consumo di 2 mesi di acqua ricca di idrogeno sulla flora intestinale nelle giovani calciatrici di Suzhou. Come dimostrato dal saggio di immunoassorbimento enzimatico e dall’analisi della sequenza di rDNA 16S di campioni di feci, il consumo di acqua ricca di idrogeno per due mesi ha ridotto significativamente la malondialdeide sierica, l’interleuchina-1, l’interleuchina-6, i livelli di fattore di necrosi tumorale α; quindi ha aumentato significativamente la superossido dismutasi sierica, i livelli di capacità antiossidante totale e i livelli di emoglobina nel sangue intero. Inoltre, il consumo di acqua ricca di idrogeno ha migliorato la diversità e l’abbondanza della flora intestinale negli atleti. Tutti gli indici esaminati, inclusi shannon, singhiozzi, asso e chao, erano più alti nel gruppo di controllo rispetto a quelli proposti per derivare dal consumo di acqua ricca di idrogeno prima della sperimentazione, ma questi indici erano tutti invertiti ed erano più alti di quelli in i controlli dopo l’intervento di 2 mesi. Tuttavia, ci sono state alcune differenze nei componenti della flora intestinale di questi due gruppi prima della sperimentazione, mentre non ci sono stati cambiamenti significativi nella composizione della flora intestinale durante il periodo di prova. Pertanto, il consumo di acqua ricca di idrogeno per due mesi potrebbe svolgere un ruolo modulante nella flora intestinale degli atleti in base alle sue attività antiossidanti e antinfiammatorie selettive. Il protocollo di studio è stato approvato dal comitato etico della Suzhou Sports School (numero approvato: SSS- EC150903 ).

ntroduzione

Numerosi studi hanno confermato che l’insorgenza di affaticamento indotto dall’esercizio fisico è strettamente correlata al livello di stress ossidativo nel corpo. 1 , 2 Il danno perossidativo lipidico causato dall’accumulo di radicali liberi nel corpo e la corrispondente reazione a catena sono considerati fattori importanti responsabili della ridotta funzione del corpo. 3 , 4 , 5

La capacità antiossidante degli atleti professionisti è molto superiore a quella della gente comune e gli atleti sviluppano una maggiore capacità di resistere all’accumulo di radicali liberi e al danno ossidativo generato negli sport. 6 Tuttavia, ci sono ancora molti problemi riguardanti la protezione, l’alleviamento e la rimozione della reazione di stress ossidativo indotta dall’accumulo di radicali liberi a seguito di esercizio fisico e sport. Attualmente, gli effetti degli antiossidanti utilizzati nell’esercizio fisico variano e alcuni studi hanno indicato che alcune di queste sostanze possono indurre lesioni muscolari scheletriche più significative negli atleti. 7 , 8 , 9 Pertanto, la ricerca di antiossidanti selettivi sicuri ed efficaci è diventata un importante sforzo di ricerca.

L’attività antiossidante selettiva dell’idrogeno è stata segnalata per la prima volta nel 2007 da Ohsawa et al. 10 Successivamente, un numero significativo di studi ha confermato che l’acqua ricca di idrogeno, preparata dissolvendo l’idrogeno in acqua, mostra un’attività antiossidante selettiva. Attualmente, i ricercatori di scienze dello sport stanno prestando sempre maggiore attenzione agli effetti selettivi antiossidanti, antinfiammatori e anti-apoptotici dell’idrogeno e alla sua regolazione dell’ambiente alcalinizzante del corpo. 11 , 12 Il benefico effetto protettivo dell’acqua ricca di idrogeno è stato gradualmente confermato in esperimenti su animali e su esseri umani.

La flora intestinale simbiotica umana, considerata il “secondo genoma” del corpo, ha effetti significativi sulla salute umana. 11 , 12 Negli ultimi anni, gli studi hanno confermato che lo squilibrio della flora intestinale è direttamente correlato allo stress ossidativo. 13 , 14 I risultati di esperimenti sull’uomo sugli atleti hanno dimostrato che una maggiore intensità dell’esercizio provoca un aumento dello stress ossidativo nel corpo e, quindi, una maggiore incidenza dei sintomi dello stress gastrointestinale. Pertanto, nel processo di allenamento, gli atleti dovrebbero bere una quantità sufficiente di acqua selettiva ricca di idrogeno antiossidante per regolare la flora intestinale, che potrebbe avere un effetto protettivo sul tratto gastrointestinale e ridurre le reazioni allo stress.

articipanti e metodi

Partecipanti e raggruppamento

Trentotto giovani calciatrici della Suzhou Sports School che mostrano uno stato sano e l’assenza di infortuni sportivi, senza alcuna evidente preferenza alimentare, e senza un significativo apporto di integratori alimentari e antibiotici per 3 mesi sono state casualmente divise in due gruppi: il gruppo di controllo ( n = 10) e il gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno ( n = 28) ( Figura 1 ). Il consenso informato scritto è stato ottenuto da ciascun partecipante prima dell’ammissione al protocollo e il protocollo di studio è stato approvato dal comitato etico della Suzhou Sports School (numero approvato: SSS- EC150903 ). Questo studio segue le linee guida Consolidated Standards of Reporting Trials (CONSORT). Durante l’esperimento, gli atleti del gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno hanno bevuto acqua ricca di idrogeno in una quantità equivalente alla quantità di acqua normale che avevano precedentemente consumato quotidianamente, mentre gli atleti nel gruppo di controllo hanno continuato a bere acqua standard in quantità coerenti con le loro abitudini precedenti. L’esperimento è durato per 2 mesi. Le informazioni di base dei soggetti sono riportate nella Tabella 1 .

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è MGR-8-135-g001.jpg

Diagramma di flusso di prova.

Tabella 1

Caratteristiche di tutte le materie

caratteristiche Gruppo di controllo ( n = 10) Gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno ( n = 28)
Età (anno) 13.7 ± 1.06 12.18 ± 0.86
Altezza (cm) 159,1 ± 5.51 149.32 ± 8.69
Peso corporeo (kg) 48.97 ± 4.56 40.15 ± 7.56
Periodo di allenamento (anno) 3.4 ± 1.51 1.21 ± 0,6

Nota: dati espressi come media ± DS.

Raccolta del campione

Durante l’esperimento, gli atleti hanno seguito i loro precedenti regimi dietetici e di riposo e altri aspetti della loro normale routine quotidiana. Il contenuto dell’allenamento, l’intensità dell’allenamento, la frequenza dell’esercizio e altri parametri erano coerenti con il regime di allenamento di routine degli atleti.

Test del campione di sangue

Abbiamo raccolto 5 ml di sangue venoso (digiuno) da tutti e 38 gli atleti ad un’ora prestabilita al mattino e 100 microlitri di sangue intero sono stati campionati per la misurazione dei parametri ematologici in un analizzatore di cellule del sangue. I restanti campioni di sangue sono stati centrifugati a 3000 × g per 5 minuti. I campioni di siero sono stati quindi raccolti e analizzati con un’apparecchiatura di analisi biochimica automatica per determinare l’emoglobina (HGB), azoto ureico nel sangue (BUN) e creatina chinasi (CK). Quindi, i campioni di siero sono stati analizzati per gli indici di risposta ossidativa (malondialdeide (MDA), superossido dismutasi (SOD) e capacità antiossidante totale (T-AOC)) e gli indici infiammatori (interleuchina-1 (IL-1), interleuchina-6 ( IL-6) e fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α)) usando un saggio di immunoassorbimento enzimatico.

Analisi di sequenziamento dell’rDNA 16S di campioni di flora intestinale

Campioni di flora fecale sono stati raccolti da tutti i 38 atleti secondo le specifiche per il campionamento delle feci e conservati a -80 ° C. La successiva estrazione del campione di DNA e l’analisi del sequenziamento dell’rDNA 16S sono state eseguite con l’assistenza del Novagene Genomics Institute.

analisi statistica

SPSS 19.0 (IBM Corp., Armonk, NY, USA) è stato utilizzato per l’analisi statistica. I risultati sono stati espressi come media ± DS. Differenze significative tra i due gruppi sono state analizzate con analisi ripetute della varianza misurate ripetutamente e il livello di significatività è stato fissato a P <0,05.

esulti

Effetti del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sugli indici di routine delle giovani calciatrici

Emoglobina

Dopo 4 settimane, l’HGB è diminuito da 134,3 ± 12,95 g / L a 124,00 ± 17,75 g / L nel gruppo di controllo, mentre quello nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno è diminuito da 138,74 ± 9,38 g / L a 129,59 ± 8,57 g / L . Dopo 8 settimane, l’HGB è aumentato da 124,00 ± 17,75 g / L a 131,6 ± 25,31 g / L nel gruppo di controllo, mentre quello nel gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno è aumentato da 129,59 ± 8,57 g / L a 139,89 ± 7,02 g / L ( Figura 2A ). La tendenza e l’ampiezza crescenti di HGB erano più significative nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno ( P = 0,032).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è MGR-8-135-g002.jpg

Cambiamenti in HGB, BUN e CK prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno.

Nota: (A) lo spostamento di HGB prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (B) lo spostamento di BUN prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (C) Lo spostamento di CK prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno. HGB: emoglobina; BUN: azoto ureico nel sangue; CK: creatina chinasi.

Azoto ureico nel sangue

Dopo 4 settimane, il livello di BUN è aumentato da 4,73 ± 0,88 a 4,83 ± 0,81 mM nel gruppo di controllo, mentre quello nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno è passato da 5,19 ± 0,85 a 5,17 ± 1,03 mM. Dopo 8 settimane, il livello di BUN nel gruppo di controllo ha continuato ad aumentare, da 4,83 ± 0,81 a 5,29 ± 0,97 mM, mentre quello nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno è diminuito da 5,17 ± 1,03 a 4,42 ± 0,95 mM ( Figura 2B ) . C’era una differenza più netta tra i due gruppi ( P = 0,887).

Creatina chinasi

Dopo 4 settimane, la CK nel gruppo di controllo è aumentata da 157,3 ± 17,37 a 171,3 ± 31,96 UI, mentre quella nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno è diminuita da 149,3 ± 30,43 a 135,85 ± 24,44 UI ( Figura 2C ). Dopo 8 settimane, la CK è diminuita da 171,3 ± 31,96 a 129,7 ± 30,05 UI nel gruppo di controllo e da 135,85 ± 24,44 a 119,85 ± 29,93 UI nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno ( P = 0,061).

Rispetto a HGB e BUN, CK era più sensibile alle variazioni del carico di allenamento. Questi risultati suggeriscono che il trattamento con acqua ricca di idrogeno ha esercitato un certo effetto per migliorare il livello di HGB nel sangue intero degli atleti.

Effetti del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sugli indici di risposta ossidativa delle giovani calciatrici

malondialdeide

Dopo 4 settimane, l’MDA sierica è diminuito da 24,77 ± 7,32 a 16,67 ± 4,19 μM nel gruppo di controllo, mentre quello è diminuito da 22,39 ± 6,20 a 13,80 ± 3,33 μM nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. Dopo 8 settimane, la MDA sierica è passata da 16,67 ± 4,19 a 15,79 ± 3,07 μM nel gruppo di controllo e da 13,80 ± 3,33 a 12,69 ± 1,94 μM nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, osservando differenze significative tra i due gruppi ( P = 0.000; Figura 3A ).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è MGR-8-135-g003.jpg

Cambiamenti di MDA, SOD e T-AOC prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno.

Nota: (A) lo spostamento dell’MDA prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (B) lo spostamento di SOD prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (C) Lo spostamento di T-AOC prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno. MDA: malondialdeide; SOD: superossido dismutasi; T-AOC: capacità antiossidante totale.

Superossido dismutasi

Dopo 4 settimane, il livello sierico di SOD è aumentato da 10,14 ± 2,60 a 13,14 ± 2,18 U / mL nel gruppo di controllo e da 11,09 ± 3,17 a 14,07 ± 1,91 U / mL nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. Dopo 8 settimane, il livello sierico di SOD nel gruppo di controllo è diminuito da 13,14 ± 2,18 a 13,01 ± 1,08 U / mL, mentre quello nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno è diminuito da 14,07 ± 1,91 a 13,69 ± 2,10 U / mL, con significativi differenze tra i due gruppi ( P = 0,027; Figura 3B ).

Capacità antiossidante totale

Dopo 4 settimane, il T-AOC sierico è aumentato da 0,8 ± 0,08 a 1,11 ± 0,17 μM nel gruppo di controllo, mentre il T-AOC sierico nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno è passato da 0,87 ± 0,11 a 1,17 ± 0,13 μM. Dopo 8 settimane, il T-AOC è passato da 1,17 ± 0,13 a 0,84 ± 0,09 μM nel gruppo di controllo e da 1,17 ± 0,13 a 0,9 ± 0,13 μM nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, con differenze significative tra i due gruppi ( P = 0,004, Figura 3C ).

Questi risultati suggeriscono che il trattamento con acqua ricca di idrogeno ha esercitato un effetto antiossidante.

Effetti del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sugli indici infiammatori delle giovani calciatrici

L’interleuchina-1

Dopo 4 settimane, il livello di IL-1 nel siero nel gruppo di controllo è aumentato da 24,77 ± 7,32 a 32,56 ± 7,61 μM e quello nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno è aumentato da 24,79 ± 8,94 a 29,32 ± 7,09 μM. Dopo 8 settimane, il livello di IL-1 è aumentato da 32,56 ± 7,61 a 42,94 ± 6,24 μM nel gruppo di controllo e da 29,32 ± 7,09 μM a 34,47 ± 6,22 μM nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, con differenze significative tra i due gruppi ( P = 0,002, Figura 4A ).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è MGR-8-135-g004.jpg

Cambiamenti di IL-1, IL-6 e TNF-α prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno.

Nota: (A) lo spostamento di IL-1 prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (B) lo spostamento di IL-6 prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (C) Lo spostamento di TNF-α prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno. IL: Interleuchina; TNF-α: fattore di necrosi tumorale alfa.

L’interleuchina-6

Dopo 4 settimane, il livello di IL-6 sierico è diminuito da 19,48 ± 2,16 a 10,53 ± 1,62 ng / L nel gruppo di controllo e da 17,72 ± 2,1 a 8,74 ± 2,57 ng / L nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. Dopo 8 settimane, il livello di IL-6 sierico nel gruppo di controllo è aumentato da 10,53 ± 1,62 ng / L a 24,88 ± 6,11 ng / L, mentre quello nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno è aumentato da 8,74 ± 2,57 a 12,37 ± 3,2 ng / L, con differenze significative tra i due gruppi ( P = 0.000, Figura 4B ).

Fattore-α del fattore di necrosi tumorale

Dopo 4 settimane, il siero TNF-α è aumentato da 20,04 ± 7,99 a 60,57 ± 10,09 μM nel gruppo di controllo e aumentato da 20,44 ± 7,75 a 49,46 ± 11,59 μM nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. Dopo 8 settimane, il siero TNF-α è aumentato da 60,57 ± 10,09 a 132,24 ± 10,46 μM nel gruppo di controllo e da 49,46 ± 11,59 a 107,00 ± 13,89 μM nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, con differenze significative tra i due gruppi ( P = 0.000, Figura 4C ).

Questi risultati suggeriscono che il trattamento con acqua ricca di idrogeno ha esercitato un effetto antinfiammatorio.

Effetti del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sui componenti della flora intestinale delle giovani calciatrici

Classificazione per phylum

Nei campioni raccolti dagli atleti dopo il pretrattamento con acqua ricca di idrogeno, il numero di Actinobacteria nel gruppo di controllo era superiore a quello nel gruppo di trattamento e il numero di Bacteroides nel gruppo di controllo era leggermente inferiore a quello nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. Inoltre, il numero di clostridi nel gruppo di controllo era leggermente superiore a quello nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. Tuttavia, non ci sono state differenze significative nel numero di questi gruppi batterici dopo 2 mesi di trattamento con acqua ricca di idrogeno.

Classificazione per classe

Nei campioni raccolti dagli atleti dopo il pretrattamento con acqua ricca di idrogeno, il numero di Actinobacteria nel gruppo di controllo era superiore a quello nel gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno, mentre il numero di Bacteroides nel gruppo di controllo era leggermente inferiore a che nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, e il numero di clostridi , coriobatteri ed erisipelotrichia nel gruppo di controllo erano superiori a quelli del gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. Tuttavia, non vi era alcuna differenza significativa nel numero di questi gruppi batterici dopo 2 mesi di trattamento con acqua ricca di idrogeno.

Classificazione per ordine

Nei campioni raccolti dagli atleti dopo il pretrattamento con acqua ricca di idrogeno, il numero di Actinobacteria nel gruppo di controllo era superiore a quello nel gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno, mentre il numero di Bacteroides nel gruppo di controllo era leggermente inferiore a quello nel gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno e il numero di clostridi e coriobatteri nel gruppo di controllo era superiore a quelli del gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno. Il numero di Erisipelotrichia nel gruppo di controllo era superiore a quello nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, sebbene questa differenza non fosse significativa. Tuttavia, non vi sono state differenze significative nel numero di batteri correlati dopo 2 mesi di trattamento con acqua ricca di idrogeno.

Classificazione per famiglia

Nei campioni raccolti dagli atleti dopo il pretrattamento con acqua ricca di idrogeno, il numero di Acidaminococcaceae, Bacteriodaceae, Bifidobacteriaceae, Coriobacteriaceae, Desulforibrionaceae, Erysipelotrichaceae e Ruminococcaceae erano superiori a quelli del gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno, con differenze osservate il numero di Bifidobacteriaceae, Ruminococcaceae, Coriobacteriaceae ed Erysipelotrichaceae . Non c’era differenza nel numero di Lachnospiraceae tra i due gruppi. Il numero di Prevotellaceae nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno era superiore a quello nel gruppo di controllo. Tuttavia, non ci sono state differenze significative nel numero di questi gruppi batterici dopo 2 mesi di trattamento con acqua ricca di idrogeno.

Classificazione per genere

Nei campioni raccolti dagli atleti dopo il pretrattamento con acqua ricca di idrogeno, il numero di Bifidobacterium e Oscillibacter nel gruppo di controllo era superiore a quelli nel gruppo di trattamento dell’acqua ricco di idrogeno, con una differenza osservata nel numero di Bifidobacteriaceae . Il numero di Prevotella nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno era superiore a quello nel gruppo di controllo, sebbene questa differenza non fosse significativa. Non ci sono state differenze significative nel numero di questi gruppi batterici dopo 2 mesi di trattamento con acqua ricca di idrogeno.

Effetti del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sulla diversità e sull’abbondanza della flora intestinale nelle giovani calciatrici

Sono stati determinati il ​​numero effettivo di unità tassonomiche operative (singhiozzi) e gli indici di asso, chao e shannon, quindi è stata tracciata una curva di diluizione. Le modifiche registrate hanno indicato che gli indici singhiozzo, asso, chao e shannon del gruppo di controllo erano tutti più alti di quelli del gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, suggerendo che l’abbondanza e la diversità della flora intestinale nel gruppo di controllo erano più alte di quelle nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno.

Dopo 1 mese di trattamento delle acque ricche di idrogeno, gli indici singhiozzo, asso e cao erano più elevati nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno rispetto a quelli del gruppo di controllo. La tendenza è stata leggermente invertita, indicando che l’abbondanza di flora intestinale era più elevata nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno rispetto al gruppo di controllo. L’indice Shannon del gruppo di trattamento in quel momento era essenzialmente lo stesso di quello del gruppo di controllo, indicando che il trattamento con acqua ricca di idrogeno poteva anche migliorare la diversità della flora intestinale. Dopo 2 mesi di trattamento con acqua ricca di idrogeno, gli indici singhiozzo, asso, chao e shannon erano molto più alti di quelli del gruppo di controllo ( P = 0,479, P = 0,710, P = 0,369, P = 0,369). Indicare che il trattamento con acqua ricca di idrogeno può migliorare l’abbondanza e la diversità della flora intestinale ( Figura 5 ).

Un file esterno che contiene un'immagine, un'illustrazione, ecc. Il nome dell'oggetto è MGR-8-135-g005.jpg

Cambiamenti nella diversità e nell’abbondanza della flora intestinale prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno.

Nota: (A) lo spostamento dei singhiozzi prima e dopo il consumo di idrogeno; (B) lo spostamento dell’indice asso prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (C) lo spostamento dell’indice di cao prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno; (D) Lo spostamento dell’indice Shannon prima e dopo il consumo di acqua ricca di idrogeno.

iscussione

Gli studi sperimentali e clinici esistenti hanno dimostrato che gli animali o gli esseri umani devono solo respirare idrogeno o bere o iniettare acqua ricca di idrogeno per proteggere il cuore, il cervello, il fegato, i reni, i polmoni e l’intestino tenue da ischemia / riperfusione, lesioni ossidative o lesioni infiammatorie dopo trapianto di organi cardiaci. 15 , 16

I potenziali effetti biologici dell’idrogeno nello sport hanno attirato molta attenzione dai ricercatori nella scienza dello sport. I benefici effetti protettivi dell’acqua ricca di idrogeno sul corpo sono stati gradualmente confermati in esperimenti su animali e umani. Ostojic ha riassunto le attuali applicazioni dell’idrogeno nel campo dello sport, sottolineando che l’idrogeno 1) può rimuovere efficacemente un gran numero di radicali liberi dannosi generati attraverso il movimento, migliorando così la capacità antiossidante; 2) è un agente alcalinizzante efficace nell’ambiente interno in grado di inibire efficacemente l’acidificazione del sangue indotta dall’accumulo di acido lattico negli sport; e 3) è un’importante molecola di segnalazione gassosa che può partecipare a processi regolatori fisiologici come processi antinfiammatori, anti-apoptotici e anti-autofagici. 17 , 18 Il presente regolamento non prevede la stessa via di segnalazione dello stress antiossidante.

Analisi dell’effetto del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sugli indici di routine delle giovani calciatrici

L’HGB è uno degli indicatori classici che riflette il livello di esercizio di resistenza. Il cambiamento di HGB dopo 4 settimane è stato causato da aumenti della quantità o dell’intensità dell’esercizio e dei fattori stagionali durante l’allenamento invernale. Il livello di HGB ha iniziato ad aumentare gradualmente, suggerendo che gli atleti si erano adattati bene al carico di allenamento invernale. L’aumento del livello di HGB è stato complessivamente più elevato nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno, suggerendo che il trattamento delle acque ricco di idrogeno a lungo termine potrebbe contribuire ad aumentare il livello di HGB.

L’azoto ureico è il prodotto finale del metabolismo proteico. La partecipazione del catabolismo proteico all’approvvigionamento energetico è migliorata durante l’esercizio a lungo termine e ad alta intensità, aumentando così la quantità di azoto ureico nel sangue e nelle urine con una maggiore decomposizione di proteine ​​e aminoacidi. Lo spostamento del livello BUN di tutti e 38 gli atleti è aumentato leggermente a causa dell’allenamento invernale e dei fattori stagionali. Dopo 8 settimane, la diminuzione del livello sierico di azoto ureico e l’aumento del livello di HGB hanno indicato che il trattamento dell’acqua a lungo termine ricco di idrogeno ha effetti benefici sulle funzioni fisiologiche degli atleti.

La CK è l’enzima chiave nel metabolismo energetico nelle cellule muscolari scheletriche, la cui attività influenza direttamente l’intensità massima a breve termine della capacità di esercizio. Dopo un carico muscolare ad alta intensità, dolore muscolare e livelli sierici di CK sono altamente e positivamente correlati. Clarke et al. 37 hanno scoperto che il livello di CK nel siero degli atleti di rugby professionisti è marcatamente alto. La CK è un indice importante che riflette il carico di esercizio, in particolare quello del muscolo scheletrico. Pertanto, la CK potrebbe riflettere indirettamente i livelli di lesione e la riparazione attiva dell’ultrastruttura del muscolo scheletrico.

Dopo 8 settimane, il livello di CK sierica in entrambi i gruppi di trattamento delle acque di controllo e ricchi di idrogeno ha continuato a diminuire.

Analisi dell’effetto del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sulla risposta ossidativa sierica delle calciatrici giovanili

Tsubone et al. 19 hanno confrontato gli effetti del bere acqua ricca di idrogeno sui livelli di stress ossidativo e metaboliti antiossidanti nel siero dei cavalli purosangue britannici e hanno scoperto che il trattamento con acqua ricca di idrogeno aveva un benefico effetto antiossidante. Aoki et al. 20 hanno condotto studi su calciatori e hanno dimostrato che bere acqua ricca di idrogeno per 1 settimana potrebbe ridurre l’affaticamento dell’esercizio e l’accumulo di acido lattico dopo l’esercizio, ma non ha avuto effetti significativi sull’indice di risposta ossidativa.

Li et al. 21 hanno dimostrato che l’acqua ricca di idrogeno potrebbe prolungare significativamente la durata dell’esercizio prima dell’esaurimento nei ratti e migliorare la loro capacità di esercizio, indicando un significativo effetto anti-fatica. Zhao e Zhang 22 hanno dimostrato che l’integrazione di acqua ricca di idrogeno in diversi momenti prima, durante e dopo l’esercizio ha esercitato significativi effetti protettivi contro le lesioni da stress ossidativo negli atleti di nuoto durante l’esercizio ad alta intensità. Questa integrazione di acqua ricca di idrogeno può ridurre la produzione di eccessivi radicali liberi e migliorare l’attività degli enzimi antiossidanti e la capacità antiossidante del corpo, promuovendo così il recupero fisico dopo l’esercizio fisico ad alta intensità. Hu e Zhang 23 hanno dimostrato che un allenamento intermittente ad alta intensità aumenta la concentrazione di O 2 , • OH e H 2 O 2 . L’acqua ricca di idrogeno può migliorare significativamente l’inibizione da parte dell’organismo di O 2 e • OH, mostrando un tasso più elevato di • inibizione OH, riflettendo pienamente il suo effetto antiossidante selettivo. Li et al. 24 hanno scoperto che il trattamento con acqua ricca di idrogeno potrebbe ridurre efficacemente le lesioni da stress ossidativo indotte nel muscolo scheletrico da un intenso esercizio fisico migliorando l’ultrastruttura muscolare. Wang et al. 25 hanno riferito che il trattamento delle acque ricche di idrogeno potrebbe up-regolare l’espressione di SIRT3, migliorare l’attività degli enzimi antiossidanti e ridurre la risposta infiammatoria dopo l’esercizio centrifugo.

MDA è uno degli indicatori classici che riflette il livello di perossidazione lipidica. Dopo 8 settimane, la differenza di MDA sierica tra i due gruppi era significativa, suggerendo che il trattamento dell’acqua a lungo termine ricco di idrogeno esercita un effetto antiossidante.

SOD è uno dei classici indicatori che riflettono la capacità antiossidante dei radicali liberi. I livelli di SOD di entrambi i gruppi di trattamento delle acque di controllo e ricchi di idrogeno sono leggermente aumentati dopo 4 settimane. E il livello medio di SOD nel siero del gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno era costantemente superiore al gruppo di controllo dopo 8 settimane.

Le sostanze antiossidanti sieriche possono essere suddivise nel sistema antiossidante enzimatico e nel sistema antiossidante non enzimatico. Il sistema antiossidante enzimatico coinvolge principalmente sostanze come SOD, glutatione perossidasi, glutatione reduttasi e catalasi. Il sistema antiossidante non enzimatico coinvolge principalmente sostanze idrosolubili, come vitamina C, bilirubina, vitamina E liposolubile, coenzima Q, carotenoidi e antiossidanti flavonoidi. In termini di funzione, le sostanze antiossidanti sieriche possono essere suddivise in tre tipi: antiossidanti preventivi; antiossidanti di tipo cattura; e riparazione e rigenerazione di antiossidanti. La capacità antiossidante totale rappresenta la somma delle sostanze e funzioni sopra menzionate.

I cambiamenti osservati nel siero T-AOC hanno suggerito che 4 settimane di trattamento con acqua ricca di idrogeno hanno effettivamente migliorato la capacità di assorbimento dei radicali liberi degli antiossidanti. Questi risultati suggeriscono che il trattamento dell’acqua a lungo termine ricco di idrogeno esercita un effetto antiossidante.

Analisi dell’effetto del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sugli indici infiammatori sierici di calciatori giovanili

I fattori infiammatori aumenteranno e l’infiammazione si intensificherà durante l’esercizio a causa dell’aumento del consumo di energia, dei radicali liberi e dell’intensificazione dello stress ossidativo. Tuttavia, ci sono tre meccanismi antinfiammatori che possono essere impiegati durante l’esercizio. 1) L’esercizio fisico può aumentare il consumo di energia, riducendo così il volume di grasso viscerale e alleviando l’infiltrazione di grasso nei linfociti infiammatori. 2) L’esercizio fisico può aumentare efficacemente la produzione e il rilascio di citochine antinfiammatorie di origine muscolare durante la contrazione del muscolo scheletrico; il muscolo scheletrico rappresenta il 35–45% del peso corporeo totale e gli effetti regolatori di questo importante organo endocrino sull’omeostasi umana non possono essere ignorati. 3) L’esercizio fisico può ridurre efficacemente l’espressione di un recettore a pedaggio sulla superficie della membrana di monociti e macrofagi, che può portare a una ridotta risposta a valle, inclusa una ridotta secrezione di agenti infiammatori, una ridotta espressione dei complessi di compatibilità negli organi principali e una diminuzione della co- Mecole stimolanti. 26 , 27 Questi tre effetti possono garantire che i livelli di fattori infiammatori negli atleti che partecipano a un intenso esercizio fisico non aumentino e possano persino diminuire. Tuttavia, l’effetto dello stress ossidativo sul corpo non sarà indebolito. Dopo 8 settimane di trattamento delle acque ricche di idrogeno, i livelli di IL-1, IL-6 e TNF-a nel gruppo di trattamento delle acque ricche di idrogeno erano inferiori a quelli del gruppo di controllo e con differenze significative tra i due gruppi. Rispetto alle summenzionate variazioni degli indici di stress ossidativo, il trattamento con acqua ricca di idrogeno a lungo termine ha mostrato un effetto antinfiammatorio più forte oltre a un effetto antiossidante.

Analisi dell’effetto del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sui componenti della flora intestinale delle giovani calciatrici

L’analisi dei componenti strutturali della flora intestinale a diversi livelli di classificazione nei due gruppi ha mostrato alcune differenze tra i due gruppi nelle diverse fasi dell’esperimento. Tuttavia, non ci sono stati cambiamenti significativi nelle componenti strutturali della flora tra i due gruppi in termini di risposta ossidativa e effetto antinfiammatorio. Questi risultati suggeriscono che due mesi di trattamento delle acque ricche di idrogeno non hanno modificato in modo significativo i componenti strutturali della flora intestinale delle giovani calciatrici. Le differenze nella composizione della flora tra i due gruppi sono il risultato atteso dalle differenze di età, in particolare per quanto riguarda il numero di anni di allenamento.

Nel 2007, Ohsawa et al. 10 ha suggerito che l’attività antiossidante selettiva dell’acqua ricca di idrogeno, e in particolare la sua eliminazione selettiva di • OH, è superiore a quella degli antiossidanti tradizionali, mentre la sua capacità antiossidante complessiva è molto inferiore a quella degli antiossidanti tradizionali. Pertanto, l’effetto di 2 mesi di trattamento con acqua ricca di idrogeno sulla regolazione della flora intestinale è stato anche molto inferiore a quello di integratori consolidati come resveratrolo, fibra dietetica antiossidante dell’uva, integratori di selenio, antociani e polifenoli a buccia di melograno. 28 , 29 , 30 , 31 , 32 , 33

Analisi dell’effetto del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sulla diversità e l’abbondanza della flora intestinale nelle calciatrici giovanili

Essendo un sistema microecologico complesso e variabile, la flora intestinale subisce costantemente cambiamenti nel suo equilibrio dinamico. La ricchezza e la diversità dei suoi componenti sono importanti indicatori della salute di questo sistema ecologico. 34 La ricchezza della flora intestinale nei pazienti con disturbo infiammatorio intestinale è ridotta negli individui anziani e obesi. 35 Le Chatelier et al. 36 hanno confrontato la composizione della flora intestinale di 123 danesi non obesi e 169 obesi e hanno scoperto che la ricchezza della flora intestinale di questi due gruppi differiva, così come il numero di geni nella loro flora intestinale. È stato riscontrato che gli individui con una bassa ricchezza di flora intestinale presentano caratteristiche di obesità, resistenza all’insulina e metabolismo lipidico più significative, nonché fenotipi infiammatori più gravi. 35 , 36

Come forte stress, l’allenamento sportivo professionale a lungo termine e ad alta intensità ha un impatto corrispondente sulla flora intestinale. Clarke et al. 37 hanno scoperto che gli atleti professionisti di rugby esibivano una flora intestinale più abbondante nell’intestino rispetto ai gruppi di controllo di individui con un indice di massa corporea (BMI) <25 o BMI> 28. In campioni dagli atleti professionisti di rugby, i microrganismi totali identificati provenivano da 22 phyla, 68 famiglie e 113 generi. Nel gruppo di controllo con un BMI <25, sono stati rilevati un totale di 11 phyla, 33 famiglie e 65 generi di microrganismi, mentre i microrganismi nel gruppo di controllo con un BMI> 28 provenivano da 9 phyla, 33 famiglie e 61 generi . La ricchezza e la diversità della flora intestinale erano più basse negli individui obesi, mentre gli atleti professionisti mostravano i più alti livelli di ricchezza e diversità.

Prima del trattamento con acqua ricca di idrogeno, la ricchezza e la diversità della flora intestinale erano più elevate nel gruppo di controllo (3,4 ± 1,51 anni di allenamento) rispetto al gruppo di trattamento (1,21 ± 0,6 anni di allenamento) e il periodo di allenamento era il fattore principale che porta a questa differenza. Gli individui che hanno avuto un periodo di allenamento più lungo hanno mostrato una maggiore ricchezza e diversità nella loro flora intestinale; questa tendenza è coerente con i risultati di Clarke et al. 37

Dopo 4 settimane di trattamento con acqua ricca di idrogeno, la tendenza è stata leggermente invertita. La ricchezza e la diversità della flora intestinale erano più elevate negli atleti che avevano un periodo di allenamento più breve rispetto a quelli che avevano un periodo di allenamento più lungo. Questa scoperta ha indicato che bere acqua ricca di idrogeno per un lungo periodo di tempo può svolgere un ruolo importante nel migliorare la ricchezza e la diversità della flora intestinale. Allo stesso tempo, i livelli sierici di MDA, IL-1, IL-6 e TNF-α sono diminuiti nel gruppo di trattamento e il livello SOD, T-AOC aumentato. Tali cambiamenti sono strettamente correlati ai cambiamenti nella ricchezza e nella diversità della flora intestinale.

Dopo 8 settimane di trattamento con acqua ricca di idrogeno, la ricchezza e la diversità della flora intestinale erano ancora più elevate negli atleti che avevano un periodo di allenamento più breve rispetto agli individui di controllo che avevano un allenamento più lungo. Inoltre, i livelli sierici di MDA, IL-1, IL-6 e TNF-α sono diminuiti e i livelli di HGB SOD, T-AOC sono aumentati a vari gradi nel gruppo di trattamento delle acque ricco di idrogeno. L’andamento dei cambiamenti favorevoli degli indici di funzione motoria, dell’indice di risposta ossidativa e degli indici dei fattori infiammatori era quasi coerente con i cambiamenti nella ricchezza e nella diversità della flora intestinale.

I risultati di cui sopra hanno mostrato che il consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno non solo esercita alcuni effetti antiossidanti e antinfiammatori, ma migliora anche la diversità e l’abbondanza della flora intestinale dei soggetti.

Med Gas Res . Ottobre-dicembre 2018; 8 (4): 135-143.
Pubblicato online il 9 gennaio 2019 10.4103 / 2045-9912.248263
PMCID: PMC6352569
PMID: 30713665
Effetti del consumo a lungo termine di acqua ricca di idrogeno sull’attività antiossidante e sulla flora intestinale nelle calciatrici giovanili di Suzhou, Cina

Le note

Finanziamento: lo studio è stato sostenuto dal National Basic Research Project of China (programma 973), n. 2012 CB518200 (a ZCG), dal programma generale della Natural Science Foundation della Cina, n. 81371232, 81573251 (a ZCG) e dal Programmi chiave speciali per la scienza e la tecnologia della Cina, n. 2012ZX09102301-016 e 2014ZX09J14107-05B (a ZCG).

Conflitto di interessi

Non c’è conflitto di interessi.

Sostegno finanziario

Lo studio è stato supportato dal National Basic Research Project of China (programma 973), n. 2012 CB518200, dal programma generale della Natural Science Foundation della Cina, n. 81371232, 81573251 e dai programmi chiave speciali per la scienza e la tecnologia della Cina, N. 2012ZX09102301-016, 2014ZX09J14107-05B.

Dichiarazione del consiglio di revisione istituzionale

Per questo studio è stata ottenuta l’approvazione del comitato di revisione istituzionale della Suzhou Sports School.

Dichiarazione del consenso del partecipante

Gli autori certificano di aver ottenuto i moduli di consenso dei partecipanti. Nel modulo, i partecipanti hanno dato il loro consenso per le loro immagini e altre informazioni cliniche da riportare sulla rivista. I partecipanti comprendono che i loro nomi e le loro iniziali non saranno pubblicati e che saranno fatti gli sforzi necessari per nascondere la loro identità, ma l’anonimato non può essere garantito.

Dichiarazione di segnalazione

Questo studio segue le linee guida Consolidated Standards of Reporting Trials (CONSORT).

Dichiarazione di biostatistica

I metodi statistici di questo studio sono stati rivisti dal biostatista del State Key Laboratory of Proteomics, Cognitive and Mental Health Research Center, Pechino, Cina.

Accordo di licenza del copyright

L’accordo di licenza sul copyright è stato firmato da tutti gli autori prima della pubblicazione.

Dichiarazione sulla condivisione dei dati

I set di dati analizzati durante lo studio attuale sono disponibili dall’autore corrispondente su ragionevole richiesta.

Controllo del plagio

Controllato due volte da iThenticate.

Revisione tra pari

Revisione esterna tra pari.

eferenze

1. Dillard CJ, Litov RE, Savin WM, Dumelin EE, Tappel AL. Effetti di esercizio fisico, vitamina E e ozono sulla funzione polmonare e perossidazione lipidica. J Appl Physiol Respir Environ Exerc Physiol. 1978; 45 : 927-932. PubMed ] Google Scholar ]
2. Davies KJ, Quintanilha AT, Brooks GA, Packer L. Radicali liberi e danni ai tessuti prodotti dall’esercizio. Biochem Biophys Res Commun. 1982; 107 : 1198–1205. PubMed ] Google Scholar ]
3. Poteri SK, Nelson WB, Hudson MB. Stress ossidativo indotto dall’esercizio nell’uomo: causa e conseguenze. Radic Biol Med. 2011; 51 : 942-950. PubMed ] Google Scholar ]
4. Cobley JN, McHardy H, Morton JP, Nikolaidis MG, Chiudi GL. Influenza della vitamina C e della vitamina E sulla segnalazione redox: implicazioni per adattamenti all’esercizio. Radic Biol Med. 2015; 84 : 65–76. PubMed ] Google Scholar ]
5. Pingitore A, Pereira Lima GP, Mastorci F, Quinones A, Iervasi G, Vassalle C. Esercizio e stress ossidativo: potenziali effetti delle strategie dietetiche antiossidanti nello sport. Nutrizione. 2015; 31 : 916–922. PubMed ] Google Scholar ]
6. Slattery K, Bentley D, Coutts AJ. Il ruolo dei sistemi ossidativi, infiammatori e neuroendocrinologici durante lo stress da esercizio fisico negli atleti: implicazioni della supplementazione antiossidante sull’adattamento fisiologico durante l’allenamento fisico intensificato. Sports Med. 2015; 45 : 453–471. PubMed ] Google Scholar ]
7. Mankowski RT, Anton SD, Buford TW, Leeuwenburgh C. Antiossidanti dietetici come modificatori degli adattamenti fisiologici all’esercizio fisico. Esercizio sportivo Med Sci. 2015; 47 : 1857–1868. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] Google Scholar ]
8. McAnulty LS, Miller LE, Hosick PA, Utter AC, Quindry JC, McAnulty SR. Effetto della supplementazione di resveratrolo e quercetina sullo stato redox e sull’infiammazione dopo l’esercizio. Appl Physiol Nutr Metab. 2013; 38 : 760–765. PubMed ] Google Scholar ]
9. Carrera-Quintanar L, Funes L, Vicente-Salar N, et al. Effetto degli integratori di polifenoli sullo stato redox delle cellule del sangue: una prova randomizzata di allenamento controllato. Eur J Nutr. 2015; 54 : 1081-1093. PubMed ] Google Scholar ]
10. Ohsawa I, Ishikawa M, Takahashi K, et al. L’idrogeno agisce come antiossidante terapeutico riducendo selettivamente i radicali di ossigeno citotossici. Nat Med. 2007; 13 : 688–694. PubMed ] Google Scholar ]
11. Zhao L. Genomics: la storia del nostro altro genoma. Natura. 2010; 465 : 879–880. PubMed ] Google Scholar ]
12. Lynch SV, Pedersen O. Il microbioma intestinale umano in salute e malattia. N Engl J Med. 2016; 375 : 2369–2379. PubMed ] Google Scholar ]
13. Espley RV, Butts CA, Laing WA, et al. I flavonoidi dietetici derivati ​​da mele modificate riducono i marker di infiammazione e modulano il microbiota intestinale nei topi. J Nutr. 2014; 144 : 146–154. PubMed ] Google Scholar ]
14. Placha I, Chrastinova L, Laukova A, et al. Effetto dell’olio di timo sull’integrità dell’intestino tenue e sullo stato antiossidante, sull’attività fagocitica e sulla microbita gastrointestinale nei conigli. Acta Vet Hung. 2013; 61 : 197–208. PubMed ] Google Scholar ]
15. Huang CS, Kawamura T, Toyoda Y, Nakao A. Recenti progressi nella ricerca sull’idrogeno come gas medico terapeutico. Free Radic Res. 2010; 44 : 971–982. PubMed ] Google Scholar ]
16. Noda M, Fujita K, Ohsawa I, Ito M, Ohno K. Effetti multipli dell’idrogeno molecolare e del suo meccanismo distinto. J Neurol Disord. 2014; 2 : 1–8. Google Scholar ]
17. Ostojic SM, Stojanovic MD. L’acqua ricca di idrogeno ha influenzato l’alcalinità del sangue negli uomini fisicamente attivi. Res Sports Med. 2014; 22 : 49–60. PubMed ] Google Scholar ]
18. Ostojic SM. Idrogeno molecolare nella medicina dello sport: nuove prospettive terapeutiche. Int J Sports Med. 2015; 36 : 273–279. PubMed ] Google Scholar ]
19. Tsubone H, Hanafusa M, Endo M, et al. Effetto dell’esercizio del tapis roulant e dell’assunzione di acqua ricca di idrogeno sui metaboliti sierici ossidativi e antiossidativi nel siero dei cavalli di razza. J Equine Sci. 2013; 24 : 1–8. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] Google Scholar ]
20. Aoki K, Nakao A, Adachi T, Matsui Y, Miyakawa S. Studio pilota: Effetti del bere acqua ricca di idrogeno sulla fatica muscolare causata da esercizio acuto in atleti d’élite. Med Gas Res. 2012; 2 : 12. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] Google Scholar ]
21. Li A, Zhang L, Zhou J, Sun X. Effetti della supplementazione di acqua ricca di idrogeno sul danno ossidativo indotto dallo stress nei muscoli scheletrici dopo un intenso esercizio estensivo. Zhongguo Yundong Yixue. 2011; 30 : 452–455. Google Scholar ]
22. Zhao YY, Zhang L. Master Dissertation. Suzhou: Schoow University; 2014. L’influenza del bere acqua ricca di idrogeno in diverse fasi e dell’esercizio ad alta intensità per nuotare gli atleti nel metabolismo dei radicali liberi. Google Scholar ]
23. Hu J, Zhang L. Master Dissertation. Suzhou: Schoow University; 2014. Una ricerca comparata sull’influenza di diversi antiossidanti sul sistema antiossidante sul nuotatore a breve distanza. Google Scholar ]
24. Li C, Li CX, Pang L, Wu L. Acqua ricca di idrogeno sulla lesione da stress ossidativo nei muscoli scheletrici del ratto dopo un esaustivo esercizio fisico. Taishan Yixueyuan Xuebao. 2015; 36 : 371–375. Google Scholar ]
25. Wang L, Liu ZQ, Hou YL, Ge YJ. L’acqua ricca di idrogeno inibisce lo stress ossidativo mitocondriale e l’infiammazione nel muscolo scheletrico dopo l’esercizio eccentrico. Zhongguo Zuzhi Gongcheng Yanjiu. 2015; 19 : 4682–4687. Google Scholar ]
26. Ji LL, Zhang Y. Effetti antiossidanti e antinfiammatori dell’esercizio: ruolo della segnalazione redox. Free Radic Res. 2014; 48 : 3–11. PubMed ] Google Scholar ]
27. Gleeson M, Bishop NC, Stensel DJ, Lindley MR, Mastana SS, Nimmo MA. Gli effetti antinfiammatori dell’esercizio: meccanismi e implicazioni per la prevenzione e il trattamento della malattia. Nat Rev Immunol. 2011; 11 : 607–615. PubMed ] Google Scholar ]
28. Qiao Y, Sun J, Xia S, Tang X, Shi Y, Le G. Effetti del resveratrolo sul microbiota intestinale e deposito di grasso in un modello murino con obesità ad alto contenuto di grassi. Food Funct. 2014; 5 : 1241–1249. PubMed ] Google Scholar ]
29. Wang B, Sun J, Li X, et al. Il resveratrolo previene la soppressione della produzione di cellule T regolatorie, lo stress ossidativo e l’infiammazione dei topi inclini o resistenti all’obesità indotta dalla dieta ad alto contenuto di grassi. Nutr. 2013; 33 : 971–981. PubMed ] Google Scholar ]
30. Jose Pozuelo M, Agis-Torres A, Hervert-Hernandez D, et al. La fibra alimentare antiossidante dell’uva stimola la crescita del lattobacillo nel cieco di ratto. J Food Sci. 2012; 77 : H59 – H62. PubMed ] Google Scholar ]
31. Kasaikina MV, Kravtsova MA, Lee BC, et al. Il selenio nella dieta influenza l’espressione del selenoproteoma dell’ospite influenzando il microbiota intestinale. FASEB J. 2011; 25 : 2492-2499. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] Google Scholar ]
32. Jakobsdottir G, Blanco N, Xu J, et al. Formazione di acidi grassi a catena corta, escrezione di antociani e diversità microbica nei ratti nutriti con ribes nero, more e lamponi. J Nutr Metab. 2013; 2013 : 202534. Articolo gratuito PMC ] [ PubMed ] Google Scholar ]
33. Neyrinck AM, Van Hee VF, Bindels LB, De Backer F, Cani PD, Delzenne NM. L’estratto ricco di polifenoli di buccia di melograno allevia l’infiammazione dei tessuti e l’ipercolesterolemia nei topi obesi indotti da dieta ricca di grassi: potenziale implicazione del microbiota intestinale. Br J Nutr. 2013; 109 : 802–809. PubMed ] Google Scholar ]
34. Cotillard A, Kennedy SP, Kong LC, et al. Impatto dell’intervento dietetico sulla ricchezza del gene microbico intestinale. Natura. 2013; 500 : 585-588. PubMed ] Google Scholar ]
35. Sekirov I, Russell SL, Antunes LCM, Finlay BB. Microbiota intestinale in salute e malattia. Physiol Rev. 2010; 90 : 859–904. PubMed ] Google Scholar ]
36. Le Chatelier E, Nielsen T, Qin J, et al. La ricchezza del microbioma intestinale umano è correlata ai marcatori metabolici. Natura. 2013; 500 : 541–546. PubMed ] Google Scholar ]
37. Clarke SF, Murphy EF, O’Sullivan O, et al. Esercizio e relativi estremi alimentari associati sulla diversità microbica intestinale. Intestino. 2014; 63 : 1913–1920. PubMed ] Google Scholar ]

Gli articoli di Medical Gas Research sono forniti qui per gentile concessione di Wolters Kluwer – Medknow Publications

(Română) apa ionizata – adevar sau mit

Apa ionizata- Proprietati si Beneficii pentru sanatate demonstrate

Apa ionizata -adevar si/sau  fals .

Introducere

Oricine a fost abordat de cineva ce vinde aparate purificat –  ionizat apa (ionizator cu filtru apa) dorește mai multe informații.

Dar avand in vedere ce reclame pompoase se fac ,cate din acestea sunt si adevarate?

Ca sa va convingeti, dati o cautare pe un motor cautare  gen Google si veti vedea fel de fel de afirmatii ale diversi   promotori de apa ionizata precum : schimbati viata cu apa ionizata, vindeca diabetul si cancerul si “toate bolile”.

Cate din ele sunt adevarate si cate sunt false ?

Internetul este adesea primul lucru la care  oamenii  recurg pentru cercetare, si gasim adesea două extreme: fie oameni care încercearca cu orice pret sa va vanda un aparat de filtrat/purifcat – ionizat apa si il vor ridica in slavi ca fiind solutia magica la toate probleme dvs, fie cei care afirma ca aceastea sunt o fraudă si nu au nici o dovada

Deci,pe cine si ce să crezi cand vine vorba de apa ionizata si aparate purifcat -ionizat apa?

Poate ca cel mai corect si simplu raspuns la prima vedere ar fi sa cautati sa discutati cu CONSUMATORI de apa ionizata( oameni ce folosesc aparate purificat- ionizata apa pentru uz pernsonal si NU vand astfel de produse ) si sa aflati opinia lor, bazata pe experienta lor personala dupa mai multi ani de consum .Acestia nu au interes nici sa  ridice in slavi apa ionizata nici sa o blameze.Cu siguranta acesta este un punct de reper mult mai bun decat vnazatorii sau cei ce neaga total din alte interese.

NOTA AUTORULUI: personal am aflat despre beneficiile apa ionizata intnad in contact cu fosti bolnavi /oameni cu diverse afectiuni care au relatat ca apa ionizata (alcalina si acida) i-au ajutat sa-si depaseasca conditia de sanatate

Totusi, cum fiecare organsim e unic si nu toti suntem construiti la fel deci corpurile noastre nu raspund/reactioneaza  la fel la lucruri identice(deci nici la apa ionizata ),  haideti sa plecam de la ce se cunoaste referitor la apa ionizata si aparate purificat -ionizat apa.

Notiuni precum   apa filtrata / “purificata” minerala – apa minerala FARA contaminanti apa alcalina cu  pH EXTREM de alcalin ,  apa bogata in oxigen activ ,  apa cu  milioane de ioni de hidroxil per pahar si apa ce ofera un puternic ANTIOXIDANT , numit -ORP  , apa structurata cu legături de hidrogen,  apa structurata molecular în grupuri/clustere apa  de 4 – 6  molecule H20 , apa cu  formă  hexagonala( apa fulg de zăpadă -apa Masaru Emoto), apa VIRGINA – apa ” PURA “ (apa a carei  memorie electromagnetica EMF a fost  RESETATA la ZERO) , apa VIE (NUMAI apa ionizata alcalina are această calitate) , apa cu proprietati super conductive ,  apa cu tensiune joasă de suprafață si altele sunt proprietati cunoscute asociate cu apa ionizata , proprietati care fac apa ionizata superioara altor tipuri si surse de apa din zilele noastre, proprietati pe care si  laureatul premiului Nobel, conationalul nostru, Dr Henri Coanda le-a studiat in apele ionizate naturale care apar in vaile nedistruse inca de om: Valea Hunza, Vilcabamba (Euador), Georgia din fosta URSS si alte cateva locuri izolate din lume.

 

DA, corpul uman este 70-80 % apa(deci apa este foarte importanta, mai importanta decat ce mananci si pina nu iti spune cineva ca esti 70-80% apa nu realizezi cat de importanta e apa pentru viata de fapt), DA, apa ionizata de un purificator – aparat apa hidrogenata / ionizator apa de calitate( care are si filtre apa ce elimina toti contaminantii dar lasa o apa pura si minerala si foloseste materiale de calitate precum placi de ionizare apa din platina titan ce necesita putere electrica mica , certificate a nu emite lucruri toxice in apa precum iridium sau nichel (electrozii din otel inox home-made)  si nici platina( precum placile de ionizare apa DIPPED)  ) ajuta/poate ajuta  cu multe  afectiuni si probleme de sanatate, insa de aici si pina la a promova un purificator – ionizator de apa pina la solutia minune pentru toate problemele doar pentru a justifica preturile supraumflate datorate politiclor MLM(sistem piramidal) e drum lung.

Ce este FAPT este ca apa ionizata e folosita in spitale si centre medicale din Japonia, Korea, China si alte tari din Asia ca si tratament adjunvant STANDARD(vorbim ca medicina primara, NU alternativa) cat si pe scara larga –  uz curent de catre oricine de peste 30 ani

  • Știați că 15 % din populația din Japonia, care bea apa alcalina ionizata de la ionizatoare de apa au o speranță de viață de 10 ani , IN PLUS, mai mult decât cei din Statele Unite ale Americii ? Și au băut apa ionizata pentru o medie de doar 12 de ani! Gândiți-vă în cazul în care s-ar fi apucat de băut apa ionizata de la naștere !

Acestea sunt locatiile unde s-au efectuat cele mai multe studii stiintifice si teste clinice cu apa ionizata, lucruri care au inceput sa se petreaca si in tari vestice :

Cateva cuvinte despre cine suntem noi si de unde venim, pentru a intelege de ce vrem sa va prezentam fapte:

EMCO TECH (ex Jupiter Science )- CEL MAI MARE  PRODUCATOR aparate purificat – ionizat apa din LUME

EmoTech (Jupiter Science) este  cel mai mare producător purificatoare – ionizatoare de apa de pe GLOB . ce a vandut purificatoare – ionizatoare apa în întreaga lume mai multe decât orice altă marcă de purificatoare – ionizatoare apa.

Departamentul R&D – Cercetare și Dezvoltare al EmcoTech(Jupiter) din Japonia, cu un personal de peste  20 de cercetatori la nivel de doctorat(pHD), produce cele mai   avansate tehnic, eficiente  PERFORMANTE si  DURABILE  aparate purificat /filtrat – ionizat apa – realizeaza întotdeauna mai mult cu mai puțin(spatiu, putere , etc).

NOI, ALKAVIVA SUNTEM MANDRII SA FIM IMPORTATORUL (DISTRIBUITORUL ) UNIC DIRECT  FABRICA pentru aparate purificat /filtrat – ionizat apa EMCOTECH (JUPITER)

AlkaViva (ex IonWays)

Suntem cea mai veche și experimentata companie  de aparate purificat /filtrat – ionizat apa si accessorii pentru acestea  din SUA.

Purificatoarele- ionizatoare apa AlkaViva(IonWays) au fost vândute pe piața americană de 16 ani!
Mai mult decât toate celelalte mărci purificatoare – ionizatoare apa puse împreună.
Am vândut cu amănuntul aparate purificat /filtrat – ionizat apa în Statele Unite ale Americii, Canada și în aproximativ 30 de țări din întreaga lume (inclusiv Autralia, Noua Zeelandă și Marea Britanie).
Suntem importatori  directi de cele mai bune aparate purificat /filtrat – ionizat apa(fabricate de EmcoTech  ( Jupiter) , importatori  EXCLUSIVI) cat si producatori de tehnologii apa si accesorii pentru acestea: filtre  apa exceptionale, kituri montare aparat purificat/ filtrat – ionizat apa subchiuveta, solutii si prefiltre apa pentru probleme specifice apa, etc. Avem o echipa de experti in apa cu care  oferim suport , garantie si service aparate ionizat- purificat /filtrat apa, si obtinem certifcari si aprobari pentru aceste aparate purificat / filtrat – ionizat apa. 
NU am vandut mereu aceste marci de aparate purificat /filtrat – ionizat apa. Impreuna, noi cei de la AlkaViva am vandut si alte marci aparate purificat /filtrat – ionizat apa considerate de top precum Kangen EnagicTM, Toyo, AlkaBlue, Nexus, KYK, Tyrent, Life Ionizer si multe alte firme aparate purificat /filtrat – ionizat apa auto- promovate ca fiind de TOP(nu vom  include si aparate ieftine calitativ made in China/Taiwan gen Chanson ,etc). Cu toate acestea ,acum suntem TOTI convinsi ca aparate purificat /filtrat – ionizat apa Emco Tech (Jupiter Science) sunt cele mai bune. Pur si simplu cele mai bune aparate purificat /filtrat – ionizat apa disponibile.

BREVETE, PREMII si CERTIFICARI aparate purificat /filtrat – ionizat apa

EmcoTech (Jupiter Science) face aparate purificat /filtrat – ionizat apa in Coreea si Japonia (plăci de ionizare apa din  PLATINA-TITAN JAPONEZE,  NU copii iridiu si otel inox made China sau Taiwan ), din 1982, împreună cu alte companii importante, cum ar fi Samsung , LG, Toyo și Hyundai și deține mai multe brevete, premii si certificari aparate purificat /filtrat – ionizat apa decat toate celelalte branduri.

 
AlkaViva (IonWays) este singura compania aparate purificat /filtrat – ionizat apa en gros pentru a avea fabricatie “verde” , calificata prin Certificatul Sistemului de Management de Mediu ISO 14001:2004
De asemenea, aparate purificat /filtrat – ionizat apa CERTIFICATE ca dispozitive medicale in Japonia, Corea, China și multe alte state.
Cu zeci de certificări, premii, brevete, modele de aparate purificare / filtre – ionizare apa și noi tehnologii, este ușor de înțeles de ce suntem LIDERI GLOBALI aparate purificat /filtrat – ionizat apa .
Compania AlkaViva / EmcoTech reprezinta cel mai vechi si cel mai inalt standard de calitate in domeniul aparate ionizt- purificat( filtrat ) apa din LUME si nu isi permite sa cada in mirajul falselor afirmatii in ceea ce priveste beneficii si proprietati apa ionizata si purificata , riscand sa-si pericliteze renumele mondial, renume care in domeniul sanatate alternativa( “vestica”) nu e tocmai usor de obtinut.
Vrem sa va punem la dispzitie tot ce este necesar pentru ca dvs sa cunoasteti tot ce doriti despre apa ionizata :
Mai întâi vom clarifica terminologie esențială. Două măsurători de apă care sunt utilizate pentru a evalua performanta ionizatoare apa  pH și ORP.
1. Ce este pH-ul?
Este o scară de acid-alcalin care variază de la 0 la 14. neutrul este 7. Mai puțin de 7 este acid și mai mare decât 7 este alcalin. Când măsurăm pH apa  ionizata de fapt  măsuram cantității de ioni de hidrogen prezente în apa ionizata. pH< 7, apa ionizata acid se referă la cantitatea de ioni de hidrogen (H + ) majoritari în apa, în timp ce pH-ul>7 apa ionizata alcalina se referă la compuși majoritari care doresc să se lege cu hidrogenul ( OH-) PH-ul este o funcție exponențială. Un pH de 10 este de zece ori mai alcalin ca un pH de 9 și o sută de ori mai alcalin ca un pH de 8, și așa mai departe.
Limitele stabilite EPA pH apa potabila acceptabile pentru consum  sunt între 6,5 și 8,5.
Nu este indicat a se consuma apa cu pH >10.
Proprietatea de pH apa ionizata-adevar sau mit? Adevar.
Poate fi masurat pHul apa ionizata? Desigur.
Cum paote fi masurat pHul apa ionizata? Utilizand fie un pH metru bine calibrat de un laborator certificat si calificat sa faca astfel de calibrari si masuratori sau, daca doriti sa verificati acasa, metoda ‘babeasca’ dar mai precisa decat un pH metru care nu e calibrat corespunzator este cu picaturile reactive functie de pHul apa ionizata care vin impreuna cu orice aparat ionizat-purificat(filtrat) apa AlkaViva (Jupiter) sau cu hartii turnesol reactive functiede  pH apa ionizata.

2 . Ce este ORP apa ionizata?

Acest acronim vine de la Potential de Reducere Oxidare(ORP)
.
Functie de tipul de ionizare apa ales,apa ionizata poate fi apa oxidativa (apa ionizata acida, cu exces de H+) sau apa antioxidant (apa ionizata alcalina, cu exces de ioni OH-)
Caracterul oxidativ/ antioxidant apa ionizata e dat de sarcina electrica ( deficitul sau excesul de electroni ). De exemplu, electronii liberi in exces din apa ionizata alcalina( abundenta de OH- implica un exces de electroni liberi donori) se vor cupla cu radicalii liberi de oxigen si vor anula astfel daunele de oxidare .
Când o moleculă renunță un electron , molecula este oxidata. Pe partea cealaltă a ecuației, atunci cand o molecula are un electron in exces acesta este redusa.
Proprietatea de ORP (caracter oxidativ sau antioxidativ) apa ionizata-adevar sau mit? Adevar.
Poate fi masurat ORPul apa ionizata? Desigur.
Cum paote fi masurat ORPul apa ionizata?  Numai un ORP metru bine calibrat de un laborator certificat si calificat sa faca astfel de calibrari si masuratori .Nu se recomanda testarea acasa cu ORP metre care nu sunt calibrate exact.De foarte multe ori in practica, citirile cu ORP metre acasa s-au dovedit false(fie arata mai mult sau mai putin dar de purine ori exact) ,
Măsurarea ORP implica simplist măsurarea milivolților din apa  creati de molecule care doresc să ia electroni și de molecule care doresc să doneze electroni.
ORP pozitiv indică potențialul pentru mai multe molecule dornice să ia un electron( H+) decât moleculele dornice de a da un electron(OH-). In tratamentul traditional apa cu clor, măsurarea ORP pozitiv poate indica puterea de oxidare a clorului în apa.
ORP negativ indică faptul că există mai multe molecule dornice să renunțe la un electron și sa devina oxidate decât invers(molecule OH > molecule H+). Aceste molecule sunt antioxidanti, deoarece acestea anuleaza molecula de oxidare, oferindu-le ceea ce doresc – un alt electron.
Este teoretizat ca efectul de sănătate de molecule antioxidante este capacitatea lor de a proteja tesuturile organismului de a fi oxidate, se sacrifica prin renuntarea unui electron la oxidant.
 NOTE:
2.a. Cand vine vorba de pH si ORP apa ionizata alcalina,aparatele purificat / filtrat – ionizat apa AlkaViva (IonWays) / EmcoTech ( Jupiter)  sunt garantate pentru a surclasa orice altă marcă, indiferent de pret aparate purificat /filtrat – ionizat apa sau dimensiuni placi ionizare apa si putere electrica aplicata pe placile de ionizare apa. Aparatele purificat /filtrat – ionizat apa AlkaViva (IonWays) / EmcoTech ( Jupiter)  sunt cele PERORMANTE, FIABILE  si DURABILE  aparate purificat / filtrat – ionizat apa din LUME,asa cum rezulta si din testele laborator stat, guvernamental, certificat EPA SUA cat si din practica.

Aparate purificat /filtrat – ionizat apa AlkaViva (IonWays) / EmcoTech ( Jupiter)  necesită mai puțina putere aplicata pe  plăci electrod de ionizare apa  si placi de ionizare  apa mai compacte, ocupa mai puțin spațiu și sunt garantate pentru a depasi in performante ionizare apa orice alta marca de purificator- aparat apa hidrogenata / ionizator apa, indiferent de preț aparat purificat /filtrat – ionizat apa  .
Alte marci de aparate purificat /filtrat – ionizat apa  de ce nu pot prezenta astfel de teste INDEPENDENTE, CERTIFICATE? 
2.b. NU toate ionizatoarele folosesc DOAR electroliza apa pura.Manualul pentru modelul LeveLuk făcută de Enagic® (apa alcalina se numește apa Kangen®)  prevede folosesc un lichid “amplificator electroliză,” deși nu se specifică ce conține. Enagic® folosește, de asemenea, calciu Acid glicerofosforic pentru a crește concentrația de pH.
Uneori(poate chiar de multe ori) unii dealeri Kangen incearca sa induca in eroare afirmand ca ” apa kangen ” este altceva.Totusi acest articol nu isi propune de dezbata “apa kangen”.Adevar si mit apa kangen aici

2.c. Toate ionizatoarele apa AlkaViva pot produce niveluri impresionante de pH si ORP  insa sunt optimizate special pentru PH si ORP sănătoase și benefice(ORP bun la valori 7<pH<10) – veti observa ca desi TOATE ionizatoarele AlkaViva ating niveluri impresionante de PH si ORP, NU pH si ORP extreme va intereseaza ci apa cu proprietati , pH si OPR cat mai apropiate de apa naturala, asa cum se gaseste spre exemplu si in “valea de longevitate” Vilcabamba , Ecuador  pe care AlkaViva a studiato. Exista 5 locatiii in lume  unde cercetatorii au descoperit astfel de ape cu proprietati unice ,unde oamnii traiesc peste 100 ani cu sanatate exceptionala, NU au cancere, NU au nici …carii . Hunzaland in Muntii Karkorum, Vilcambamba in Ecuador, o vale muntoasa Georgia, Russia, alta  in Mongolia si una in Peru. Toate au culturi si diete diferite si un lucru comun – apa lor are proprietati similare! 2008145_48624 Am fost acolo si am studiat.Daca doriti sa stiti mai multe detalii vizualizati DVDul GRATUIT- completati formularul : [contact-form subject=’Valea DVD’][contact-field label=’Email’ type=’email’ required=’1’/][contact-field label=’Comentarii’ type=’textarea’/][/contact-form] Aceasta optimizare este rezultatul a peste 30 ani experiente si cercetari , istorie UNICA, ce ne face LIDERI MONDIALI in domeniul ionizatoare apa   ) care, alaturi de  aprobarile medicale  au facut din aparatele filtrare – ionizare apa AlkaViva si alegerea expertilor internationali in domeniu  precum prof Dr. Robert O. Young , Dr. Ted Baroody , Sang Whang si a multor altor experti si spitale si centre medicale.(a se vedea fila APROBARI 

 
Desigur  pH si ORP sunt indicatori  apa ionizata cei mai cunoscuti,insa nu neaparat cei mai importanti.
După cum a spus lauretul premiului Nobel, Henri Coanda, dupa studii ale apelor intalnite in vai longevitate precum Hunza , apa este benefică atunci când ea are următorii parametri: pH apa 7-9, potențialul redox ORP apa -100mV -700mV,  tensiunea superficială apa 43-45 din/cm și structură hexagonală apa . Există, desigur, alți parametri care trebuie considerati cum ar fi puritate apa,  mineralizare apa , conductivitate apa , vitalitate apa și altele.
In contiunuare dezbatem cateva din cele mai importante(inclusiv pe cele masurate de romanul lauret cu NOBEL, Dr Henri Coanda)
3.De examplu apa alcalina ionizata este apa structurata molecular în grupuri/clustere apa  de 4 pana la 6  molecule H20 .
Rezonanța magnetică nucleară a arătat că aceasta este o treime din dimensiunea moleculara a altor ape , care are grupuri de 10 până la 15 molecule .
Această reducere grup ajuta celulele sa absoarba apa ionizata rapid și eficient pentru ca patrunde si dizolva mai usor, fiind apa redusa in dimensiuni cluster(apa microgrupata)
Demonstratia cea mai simpla a acestui fapt o reprezinta testele cu apa ionizata cu pH > 10 in care uleiul de integreaza in loc sa pluteasca la suprafata, apa ionizata in care fructele si legumele si mancarurile isi lasa chimicalele pe baza de uleiuri, etc
Si acest lucru il veti simti si fizic pe pielea dvs pentru caveti bservacaveti putea bea mai mutla apa-apa nu va “pluti” in stomac.
NOTA: NU se iau medicamente cu apa ionizata alcalina tocmai din acest motiv- se dizolva si se absorb mai rapid
4.Apa alcalina ionizata OXIGENEAZA organismul printr-o creștere a raportului  de oxigen / hidrogen .(abundenta de OH- inseamna un raport mai mare de oxigen raportat la hidrogen fata de cel intalnit in H20) Celelalte ape sunt lipsite de acest beneficiu .Implicatiile acestui lucru sunt multiple pentru sanatate , energie si vitalitate Apa alcalina ionizata oxigeneaza organismul dumneavoastră mai eficient decât orice alt tratament ” oxigen “/terapie ozon  si este usor de administrat si tolerat de organism fata de terapiile ozon ce injecteaza ozon gaz in sange sau alte terapii ozon pe care nu toti le pot tolera sau nu si le permit.
Iarasi,un efect pe care il veti simti pe pielea dvs cand veti avea simptome de raspuns imunitar(simptome de raceala, etc) la trecerea la consum de apa ionizata alcalina.De aceea se recomanda trecerea TREPTATA si NU brusca la apa ionizata alcalina, incepand cu apa  alcalina ionizata foarte putin si crescand gradul de ionizare apa pe masura ce orgasnimul dvs se obijnuieste
5. Apa alcalina ionizata este APA VIE .
Ce este /despre apa vie?
Toti electroni din apă , sunt fie de spin/rotatie la stânga sau la dreapta .  Cu cat mai mare viteza de rotire stânga a electroni cu atat apa este considerata a susține vitalitatea -apa vie . Numai apa ionizată alcalina are această calitate .
PROPRIETATE MASURABILA(REALA)-DA.
Stiati ca aparatele filtrare- ionizare ( alcalinizare ) apa AlkaViva au fost testate in laborator pentru a vdea in ce masura incarca apa de vitalitate(cata forta de viata capata apa odata ce trece prin ele), si cumparate cu alte ape considerate a fi vii, inclusiv cu apa Kangen?
“Apa alkalina vie este privita de un numar de profesionisti sanatate ca fiind cea mai buna apa de baut si este listata ca dispozitiv medical in Japonia pt tratarea bolilor degenerative.”  
Dr Hidemitsu Hayashi Chirurg inima ,  Director al Institutului apa al Japaniei
Acestea de mai sus sunt FAPTE.Exista si proprietati asociate cu apa ionizata ce pot fi contestate (intr-ucat necesita aparatura mai sofisitcata pentru testare) precum
6.Apa ionizata are forma hexagonala- apa “fulg de nea”.
7.Apa alcalina ionizata este  APA  ” VIRGINA “- memorie electromagnetica RESETATA la ZERO .
Tot la ce a fost apa expusa lasă o semnătură de frecvențe electromagnetice sau amprenta electromagnetica(de camp magnetic- EMF).
Frecvențe negative ( exemplu : apa de la robinet reciclate de canalizare ca în majoritatea orașelor mari ) sunt asociate cu boli . Apa ionizata este apa virgina , deoarece memoria camp electromagnetic EMF au fost ” resetata”, deci nu are acele amprente nocive, asociate cu bolile.
8 .FAPT IMPORTANT  insa  este ca sistemele purificat – ionizat apa ar trebui sa ofere o pre-filtrare apa minima pentru îndepărtarea clorului si a altor contaminanti fara a demineraliza apa
TOATE aparatele filtrare – ionizare apa AlkaViva, includ acum GRATUIT exceptionalele si inegalabilele filtre apa UltraWater ,( produs brevetat AlkaViva) ce oferă cea mai bună filtrare apa interna, creata vreodata pentru ionizatoare apa .
Filtrul apa UltraWater filtrează  apa de TOTI contaminantii  cunoscuti (inclusiv cloruri,cloramina , fluoruri, nitrati, nitriti, detergenti, cianuri, chimicale, reziduuri din exploatari miniere si din gaze sist din apa ,etc) cu o precizie uimitoare de de 99.9% si NUMAI DE contaminanti,  lasand mineralele benefice organismului, prezente in mod natural in apa , sa treca de filtru apa(spre deosebire de apa filtrata Osomoza Inversa, apa puridficata, si apa distilata (inclusiv Apa Sarcita in Deuteriu prin distilare vid)  care spala din organism mineralele benefice )
Acuratetea si perfomanta de filtrare apa Ultrawater sunt de asemenea confirmate si certificate de teste laborator guvernamental, independent certificat NELAP EPA SUA. detalii si rezultate teste laborator ULTRAWATER -click aici
Deci veti bea nu doar apa ionizata alcalina, dar si FARA contaminati ( dar NU apa purificata total ), apa ce include DOAR minerale benefice.Apa minerala FARA contaminanti(FARA nitrati, FARA cloruri, FARA fluoruri, FARA pesticide, FARA chimicale, etc)
Tehnologia de filtrare apa UltraWater – pentru îndepărtarea 99,9 % contaminanti  înseamnă că nu numai este apa filtrata de impurități la cele mai ridicat grad posibil , dar este , de asemenea,  precondiționată prin reducerea tensiunii superficiale apa pentru producție maximă de ioni negativi in timpul ionizarii apei .  Nu există nici un substitut pentru  calitatea acestui filtru apa ionizata  . Noul sistem uimitor de filtrare apa UltraWater  înseamna filtrare apa exceptionala  si energizare  .
AlkaViva este SINGURA companie ce fabrica filtre apa pentru ionizatoare de apa  în Statele Unite ale Americii la standardele RNP ,NELAP EPA si foloseste DOAR materiale naturale, inclusiv Tourmalina. Acest lucru înseamnă:

  • reducerea dimensiunii de micro-cluster apa in mod natural
  • alcalinizare apa in mod natural
  • creșterea DO ( oxigen dizolvat )apa in mod natural
  • gust sporit si minimizarea miros apa
  • Energia FIR(Far InfraRed) pe care Turmalina o emite natural produce o rezonanță în organism la aceeași frecvență ca și apa .

Intr-ucat cei mai multi oameni doresc sa bea apa ionizata alcalina din motive de sanatate,  doriti sa beti  nu doar apa ionizata alcalina, dar si apa filtrata FARA contamianti( dar NU apa purificata precum apa filtrata Osomoza Inversa si apa distilata(inclusiv Apa Sarcita in Deuteriu)  care spala din organism mineralele benefice ), ci apa  bogata NUMAI in minerale benefice( FARA contaminanti precum nitrati, cloruri si floruri , chimicale, pesticide si altii intalniti in apa chiuveta) –  apa care sa va DETOXIFICE  FARA sa va  demineralizeze, apa care sa va ajute sa va recapatati sanatatea fiecarei celule, deci filtrarea apei la cel mai inalt nivel NUMAI de contaminanti apa ar trebui sa fie una din principalele caracteristici urmarite la un aparat filtrare – ionizare  apa.

Tehnologia filtrare apa ULTRAWATER  este acum oferita GRATUIT, in PLUS  la filtrele apa ionizata  Biostone Plus 0.1 micron
De ce sa cumparati un aparat apa hidrogenata / ionizator apa care nu ofera o apa curata?
 Apa ionizata alcalina ce contine contaminanti NU e o apa sanatoasa!
Stiati ca, reziduuri nefiltrate (in special clorurile) din apa ce pot ajunge in camera ionizare apa pot capata structura mult mai nociva in urma ionizarii apei nefiltrate corespunzator?
CONTACTATI-NE  pentru o consultatie GRATUITA!
MOTTO AlkaViva:
“Take back your tap water! – Luati inapoi apa de la chiuveta!”

DE CE SA CUMPARATI DE LA NOI, ALKAVIVA:

TOTUL DESPRE aparatele purificare /filtre –  IONIZATOARE APA:

APA ALCALINA IONIZATA, APA VIE SI SANATATEA:

  • Companiile partener cu vechime maxima ,  cele mai de încredere și de succes  in domeniul purificatoare /filtre-  ionizatoarelor de apa din LUME.
  • EMCOTECH(ex Jupiter Science) a produs și a vândut milioane de purificatoare /filtre – ionizatoare de apa la nivel mondial inca din 1981 si este LIDER  MONDIAL ce conduce prin PERFORMANTE ionizare apa ( asa cum rezulta din teste laborator independent, stat, certificat EPA )  ,calitate, fiabilitate si DURABILITATE(prin sistemele brevetate auto-curatare  placi ionizare apa testate si dovedite in timp) , 
  • Deține cele mai multe PREMII,CERTIFICARI, BREVETE si RECUNOASTERI OFICIALE INTERNATIONALE si are CELE MAI mici RATE DEFECTARE si RETURNARE din industria purificatoare / filtre – ionizatoare apa ( sub 1% )  
  • Singurele purificatoare / filtre – ionizatoare de apa cu certificari CE (Europeana), CSA și UL și certificări “dispozitiv medical” (Japonia Coreea si multe alte state);
  • tehnologie 100% japoneza (NU China, Taiwan) , placi ionizare apa 100% platina-titan (NU iridium, NU otel inox)
  • ALKAVIVA(ex IonWays importatorul)are mai multa experienta  decât TOATE celelalte mărci impreună(>16 ani)  si completeaza cu CELE MAI BUNE si SANATOASE FILTRE APA EXISTENTE  (filtrare apa certificata laborator de 99.9 din TOTI contaminantii apa, FARA demineralizare)oferite acum CADOU IN PLUS la filtrele standard ,SPECIALISTI APA CALIFICATI (care sa va ajute cu rezolvare problemelor apei dvs specifice GRATUIT), SUPORT  CLIENTI si SERVICE IONIZATOARE APA IREPROSABILE (evaluare maxima A+ cu BBB) si GARANTIE IONIZATOR APA MAXIMA
  • Garanție pe viață SUA, 5 -10 ani EU
  • Peste 30 ani experienta a expertilor nostri in apa si consultații GRATUITE apa pentru a determina cea mai bună soluție pt dvs.
  • Cea mai bună gamă de aparate purificatoare / filtre-ionizatoare  apa pentru toate nevoile si BUGETELE
  • PRETURI PURIFICATOR / FILTRU – IONIZATOR APA DECENTE identice cu cele intalnite si la partenerii AlkaVIva de peste ocean
  • Partener oficial AlkaViva (nu doar  importator EmcoTech) implicit TOATE avantajele de mai sus si CERTITUDINEA ca VOM FI PREZENTI pentru SUPORT, SERVICE, PIESE DE SCHIMB si FILTRE APA pt IONIZATOARE APA mult timp dupa ce alte companii  au venit si plecat.

30zilefcgri  buton-afla-mai-multe-eliberare

ce inseamna ionizare apa – ce este apa ionizata alcalina  pH, ORP  proprietati si beneficii unice apa ionizata apa ionizata si scepticii

buton-afla-mai-multe-eliberare

 

SITE IN CURS DE DEZVOLTARE-ABONATI-VA la NEWSLETTER PENTRU A FI LA CURENT

Primiti GRATUIT pe email:

Introduceti adresa dvs de email pentru as primi GRATUIT TOATE cele de mai jos si multe altele

water ionizers guide Atunci cand achizitionati un aparat purificare / filtru – aparat apa hidrogenata / ionizator apa , asigurati-va  sa alegeti in cunostiinta de cauza unul adecvat nevoilor dvs personale. Va rugam sa luati in considerare urmatoarele informatii INAINTE  de a face o astfel de achizitie importanta si de multe ori, costisitoare:

DVD + EBOOK: apa ionizata allcalina ALKAVIVA si apa din VALEA LONGEVITATII VILCAMBA, ECUADOR 2008145_48624 SECRETUL VITALITATII,  ENERGIEI si LONGEVITATII  CARTEA ELECTRONICA (EBOOK) DESPRE APA IONIZATA ALCALINA si  ECHILIBRUL ACID ALCALIN water-therapy-structured-water COMPARATIE APA IZVOR, APA POTABILA CHIUVETA, APA FILTRATA OSMOZA INVERSA, APA DISTILATA si APA SARACITA IN DEUTERIU SI APA IONIZATA ALCALIN – APA VIE
  • IonwaysLogo-n

 

Water ionizer certificates

CONTACTEAZA-NE PENTRU ORICE NELAMURIRI!

Acest articol este destinat exclusiv pentru scopuri educaționale. Acesta nu este menit să fie folosit ca un ghid pentru diagnosticul, tratamentul, vindecarea sau prevenirea oricărei boli Cei care au nevoie de îndrumare cu privire la orice problema de sanatate ar trebui sa solicite ajutorul unui practician calificat, licențiat profesionist de îngrijire a sănătății. Unul ar trebui să caute, de asemenea, consiliere profesională înainte de a continua cu orice modificări ale sănătății sau program dietetic

Domande frequenti sugli ionizzatori d’acqua e acqua ionizzata

Domande frequenti sugli ionizzatori d’acqua e acqua ionizzata

Risposte a domande frequenti su ionizzatori d’acqua / depuratori d’acqua e tecnologie di ionizzazione dell’acqua.

Il mio nuovo ionizzatore d’acqua AlkaViva contiene acqua residua. È usato? Ogni NUOVO ionizzatore d’acqua AlkaViva è ampiamente testato dal produttore (ionizzatori d’acqua EmcoTech / Jupiter) per garantire il corretto funzionamento prima di essere spediti al magazzino AlkaViva. Pertanto, potrebbero essere presenti gocce d’acqua residue provenienti dai connettori del tubo flessibile inferiore. Non preoccuparti, il tuo NUOVO ionizzatore d’acqua / depuratore d’acqua AlkaViva non viene utilizzato.

Qual è il modo migliore per conservare l’acqua ionizzata alcalina?

“Come posso conservare l’acqua ionizzata dal mio ionizzatore d’acqua? Che tipo di contenitore dovrei usare? ”Sia che tu voglia portare la tua acqua al lavoro o fuori per giocare, o se vuoi semplicemente raffreddare l’acqua alcalina nel frigorifero prima di berlo, ci sono alcune cose che dovresti sapere. 1. L’acqua ionizzata da uno ionizzatore d’acqua è meglio se consumata direttamente dallo ionizzatore d’acqua immediatamente dopo averlo prodotto. L’acqua ionizzata ha un’elevata carica di elettroni, che le conferisce le sue qualità antiossidanti . Il tempo, il calore e la luce possono causare la perdita di carica dell’acqua e quindi la perdita delle proprietà e dei vantaggi unici dell’acqua ionizzata alcalina . Sì, avrai comunque acqua pulita, filtrata e mineralizzata … ma vuoi anche essere in grado di trattenere l’ ORP a basso negativo che è uno dei motivi principali per possedere uno ionizzatore d’acqua in primo luogo. Uso sempre l’analogia della frutta e verdura fresca che si consumano meglio subito dopo essere state raccolte, altrimenti perdono molti preziosi benefici salutari. Lo stesso vale per l’acqua ionizzata. Lo stesso si può dire per l’acqua ionizzata. Quando l’acqua alcalina esce da uno ionizzatore d’acqua, contiene un ORP negativo (un’abbondanza di elettroni liberi e non legati). Se immagazzinata in un contenitore, l’acqua ionizzata inizierà il processo di perdita della sua qualità antiossidante mentre si “normalizza” con l’ambiente circostante. Il tempo necessario per completare questo processo si basa sul materiale e sulla costruzione del contenitore in cui si trova l’acqua ionizzata. Il potere antiossidante nell’acqua ionizzata alcalina può ridursi in appena 24 ore senza una conservazione adeguata e i livelli di pH diminuirebbero di circa tre giorni. Conservata correttamente, l’acqua ionizzata alcalina può mantenere un’alta potenza per circa una settimana.

Come conservare l’acqua alcalina ionizzata \

Vetro Il vetro è sempre il metodo preferito per conservare l’acqua ionizzata alcalina.

  • Se si utilizza un contenitore di vetro, provare a utilizzare un vetro protetto UV, che di solito è un colore scuro.
  • Riempi il contenitore fino alla cima, limitando così l’esposizione dell’acqua ionizzata alcalina all’aria.
  • Conservare il contenitore in un luogo fresco e poco illuminato. Evitare di esporre l’acqua alcalina ionizzata al calore e alla luce solare.
  • Bere acqua ionizzata alcalina immagazzinata entro 72 ore per una qualità e una freschezza ottimali.

Acciaio inossidabile Le normali bottiglie in acciaio inossidabile sono ottime per mantenere pulita l’acqua alcalina ionizzata, poiché non vi è “lisciviazione” di sostanze chimiche pericolose dal contenitore. Ma l’acqua ionizzata alcalina perderà rapidamente le sue proprietà antiossidanti poiché il metallo del contenitore è un conduttore di elettricità. Pertanto, se si intende utilizzare un contenitore in acciaio inossidabile, assicurarsi che si tratti di una bottiglia sigillata sottovuoto a doppia parete, poiché questi tipi di bottiglie rallentano il tasso di equalizzazione ORP . L’uso di questi tipi di bottiglie non solo aiuta a mantenere le proprietà antiossidanti dell’acqua ionizzata alcalina, ma è un modo eccellente per mantenere l’acqua piacevole e fredda durante la stagione calda.

Contenitori in plastica La plastica deve essere utilizzata come ultima risorsa per conservare l’acqua ionizzata alcalina. Le uniche bottiglie di plastica che dovresti mai usare dovrebbero essere realizzate in plastica certificata senza BPA. Anche quando si utilizza questo tipo di bottiglia, non si garantisce che la bottiglia non rilascerà altri tipi di prodotti chimici nell’acqua ionizzata alcalina da bere. Pertanto, starei lontano dalle bottiglie di plastica, se possibile.

Mantieni refrigerata l’ acqua alcalina ionizzata La refrigerazione o il congelamento aiutano a mantenere la potenza dell’acqua ionizzata alcalina. L’acqua ionizzata alcalina deve essere messa in un contenitore sigillato e raffreddata immediatamente dopo la sua preparazione. Inoltre, se ti piace mettere il ghiaccio nella tua acqua, suggerirei di procurarti delle vaschette per il ghiaccio in acciaio inossidabile, e quindi fare il ghiaccio usando l’acqua dello ionizzatore d’acqua. Non si desidera utilizzare il ghiaccio prodotto dal produttore di ghiaccio del frigorifero, poiché è probabilmente pieno di tossine che non verranno rimosse dal filtro del frigorifero, incluso il fluoro.

L’acqua ionizzata direttamente dallo ionizzatore d’acqua è la cosa migliore Non c’è niente di più rinfrescante di un bicchiere di acqua ionizzata alcalina sana. Ottenuto fresco da uno ionizzatore d’acqua per uso domestico, l’acqua ionizzata alcalina ha un ORP negativo elevato e un pH più elevato rispetto all’acqua naturale.

Bere acqua alcalina direttamente dallo ionizzatore d’acqua è sempre meglio perché le qualità benefiche dell’acqua ionizzata alcalina rimangono intatte. Questo è il motivo per cui l’acqua ionizzata non può essere venduta come immagazzinata, lo stesso motivo per cui le acque miracolose di Hunza o Vilcabamba non possono essere immagazzinate e vendute. Sappiamo che siamo andati a Vilcabamba, in Ecuador, per incontrare le persone nella valle della longevità e testare la loro acqua. Se interessati, si prega di richiedere il nostro DVD GRATUITO in questo viaggio contattaci o lascia il tuo indirizzo di posta ( non lo condivideremo con nessuno ) [contact-form subject = ‘Valley DVD’] [contact-field label = ‘Email’ type = ’email’ richiesto = ‘1’ /] [contact-field label = ‘Commenti (opzionale)’ type = ‘textarea’ /] [/ contact-form]

Gli ionizzatori d’acqua rimuovono anche i contaminanti dell’acqua, incluso il fluoro?

Questa domanda dovrebbe riguardare i filtri dell’acqua utilizzati all’interno degli ionizzatori / depuratori d’acqua. Gli ionizzatori d’acqua, da soli, non rimuovono nulla dall’acqua. Uno ionizzatore d’acqua è un dispositivo elettronico che ionizza l’acqua attraverso l’elettrolisi dell’acqua in stadi d’acqua ionizzati (alcalini e acidi).

La domanda dovrebbe riguardare gli ionizzatori d’acqua che includono al loro interno filtri per l’acqua come lo ionizzatore d’acqua AlkaViva (prodotto da Jupiter / EmcoTech). I migliori ionizzatori d’acqua di AlkaViva includono anche 2 filtri d’acqua all’interno dello ionizzatore d’acqua / depuratore d’acqua per filtrare / rimuovere tutti i potenziali contaminanti nell’acqua prima che l’acqua venga ionizzata, in modo da godere non solo di acqua ionizzata alcalina, antiossidante, ma pulita ma minerale Inoltre, solo gli ionizzatori d’acqua AlkaViva come lo ionizzatore d’acqua AlkaViva Jupiter Athena JS 205 e lo ionizzatore d’acqua AlkaViva Vesta GL 988 includono 2 filtri d’acqua all’interno del sistema ionizzatore d’acqua / depuratore d’acqua. Uno di questi 2 filtri per acqua può essere uno schermo UltraWater per fluoro / arsenico, un filtro per l’acqua appositamente progettato per rimuovere fluoro e arsenico. I nostri ionizzatori d’acqua Jupiter di qualità hanno anche prefiltri d’acqua per prefiltrare l’acqua prima che l’acqua venga ionizzata. Va notato che la maggior parte dei filtri per l’acqua all’interno di uno ionizzatore d’acqua NON rimuove il fluoro, poiché i test di laboratorio hanno dimostrato che il fluoro contenuto nell’acqua in entrata capita di “aderire” al flusso di acqua acida e che la concentrazione nel lato alcalino dell’acqua diminuito. Il fluoruro è attratto dalla carica positiva dell’acqua acida e sarà parzialmente eliminato. Ma quando parliamo di fluoro, “parzialmente” non è abbastanza buono. Vogliamo essere in grado di eliminare la maggior quantità possibile di fluoro. Perché leggere di più sul fluoro in acqua, fare clic qui

Cosa è l’acqua acida ionizzata L’acqua ionizzata acida può essere caratterizzata da quanto segue:

  1. con un intervallo di pH compreso tra 2,0ph e inferiore a 7,0ph
  2. con un ORP compreso tra +800 e +1200
  3. con un componente di acido ipocloroso da 1-30 mg / l
  4. essere micro-cluster
  5. essendo caricato con H + (ioni idrogeno), che funge da ossidante

Esistono 2 tipi di acqua acida; mite e forte. L’acqua acida “delicata” viene utilizzata per la pelle, i capelli e le unghie, mentre l’acqua acida “forte” viene utilizzata per la pulizia e la sterilizzazione. Usi di acqua acida ionizzata

Come ottenere l’acqua ionizzata più acida dal tuo ionizzatore d’acqua? Sebbene la maggior parte degli ionizzatori d’acqua ti permetta di scegliere acqua ionizzata “acida”, che verrebbe fuori dal tubo in acciaio inossidabile superiore, c’è un modo per ottenere l’acqua più acida dal tuo ionizzatore d’acqua (il pH più basso). Imposta il tuo ionizzatore d’acqua sulla più alta impostazione di acqua ionizzata “alcalina” che produrrà. Quindi, rallenta la portata dell’acqua (sia sul rubinetto che su una valvola di controllo del flusso a bordo, se ne hai una) al minimo che l’acqua può fuoriuscire mentre lo ionizzatore d’acqua rimane acceso. Sulla maggior parte degli ionizzatori d’acqua con sensori di flusso d’acqua, se si rallenta troppo la portata, lo ionizzatore d’acqua si spegne da solo – quindi assicurarsi che sia lento, ma abbastanza che l’alimentazione principale rimanga accesa. Quindi, raccogliere l’acqua acida dal tubo dell’acido proveniente dal fondo dello ionizzatore d’acqua in una ricetta (di vetro). Farlo in questo modo ti darà l’acqua acida più potente che il tuo ionizzatore d’acqua può produrre. I risultati varieranno dallo ionizzatore d’acqua allo ionizzatore d’acqua, a seconda dell’intensità dell’unità di ionizzazione dell’acqua.

Come posso sapere quali contaminanti e altre cose sono la mia acqua di rubinetto? C’è molto che possiamo imparare sulla nostra acqua solo dal modo in cui appare, ha un sapore e un odore. Se sei preoccupato per la qualità della tua acqua, è sempre meglio sottoporla a test professionali ( contattaci per informazioni su test idrici professionali), ma possiamo anche scoprirne molto a casa. Quando si utilizza uno ionizzatore d’acqua, molte cose nella nostra acqua possono essere condensate a livelli più alti e più evidenti. Se si utilizza un sistema di acque pubbliche trattato, è sempre possibile richiedere un rapporto di fiducia del consumatore o CCR. Questi vengono fatti ogni anno per assicurare al pubblico la sicurezza dell’acqua potabile. Il modo più semplice per ottenere questi rapporti è chiamare l’autorità locale per l’acqua e chiedere il CCR più recente. Puoi anche chiedere loro se stanno usando le clorammine come disinfettante. Le clorammine sono abbastanza nuove nel trattamento dei sistemi idrici nella maggior parte delle aree e potrebbero non essere presenti nel rapporto. Le clorammine sono sicuramente indesiderate e richiedono un diverso tipo di filtrazione dell’acqua rispetto ai metodi standard di fitrazione dell’acqua con cloro. Anche se è un’ottima idea guardare il tuo CCR, puoi sempre fare un passo avanti e fare testare l’acqua a casa tua. Tieni presente che i rapporti sull’acqua forniti sono mostrati in media e potrebbero non riflettere esattamente ciò che sta arrivando a casa tua, quindi, se sei veramente interessato a ciò che è nell’acqua del rubinetto. sarebbe una buona idea testare l’acqua proveniente direttamente dal rubinetto Se si utilizza un sistema idrico a pozzo, è importante testare l’acqua prima di utilizzare uno ionizzatore d’acqua, poiché l’acqua non è generalmente trattata e può contenere contaminanti non presenti nei trattati sistemi idrici. Testare l’acqua nel tuo pozzo può proteggere la tua salute e la vita del tuo ionizzatore d’acqua. Per ottenere un rapporto sull’acqua è possibile chiamare l’autorità sanitaria locale ed esprimere preoccupazioni per l’acqua potabile. Di solito avranno un posto a livello locale per fare i test necessari. Il test che vuoi chiedere si chiama “Un pannello domestico di routine” e di solito non costa un braccio e una gamba. I rapporti sull’acqua elencheranno un mucchio di numeri che possono essere un po ‘confusi, ma una volta che impari a leggere il rapporto sarai in grado di vedere esattamente cosa c’è nella tua acqua. I numeri importanti da guardare saranno i livelli registrati – questa è la quantità trovata nella vostra acqua – e il livello MCL o Max Contaminate. Confrontando queste due serie di numeri puoi giudicare se i livelli sono sicuri o devono essere affrontati prima di usare il tuo nuovo ionizzatore d’acqua. Se i livelli registrati per la tua acqua sono inferiori o vicini ai livelli MCL, potresti prendere in considerazione la pre-filtrazione dell’acqua. Dovresti anche prendere in considerazione la pre-filtrazione dell’acqua ogni volta che hai preoccupazioni specifiche, specialmente in aree con acqua molto dura. Naturalmente, puoi sempre utilizzare il nostro sistema ad osmosi inversa AlkaViva per ionizzatori d’acqua per rimuovere i più comuni problemi di contaminazione dell’acqua. Tratteremo alcuni test di base a casa per testare i contaminanti dell’acqua potabile, cosa sono, da dove provengono e come possiamo rimuoverli. Ci sono molte cose che i seguenti test possono dirci, ma certamente non tutto. Ad esempio, non esiste un buon modo per testare a casa fluoro, batteri, arsenico e molti altri contaminanti dell’acqua potabile senza un test dell’acqua professionale ( contattaci se interessati a un test dell’acqua professionale). Per i contaminanti che POSSIAMO testare a casa, tutto ciò di cui hai bisogno è il tuo rubinetto e un bicchiere trasparente.

Il modo in cui l’acqua assaggia il cloro o il gusto chimico Questo sapore è solitamente causato dalla normale clorazione, o da un’abbondanza di sostanze chimiche nei sistemi idrici municipali trattati o nei pozzi clorurati. Questo viene normalmente rimosso dal filtro dell’acqua interno dello ionizzatore d’acqua, ma se ciò non è sufficiente per rimuovere gli agenti cancerogeni spiacevoli e potenzialmente dannosi si consiglia di utilizzare il nostro filtro per l’acqua ionizzata UltraWater

Gusto metallico Un gusto metallico è solitamente causato dal manganese o da altri metalli pesanti. Questi possono essere presenti nei sistemi idrici a pozzo e nelle case più vecchie con tubi metallici. Per rimuovere questi metalli pesanti consigliamo il nostro filtro per acqua ionizzata UltraWater

L’acqua non ha più il sapore di una volta Questo è causato dalla mancanza di ferro presente nell’acqua di fonte. Alcune persone si lamentano che l’acqua non ha più il sapore di una volta. Ciò è causato dalla rimozione di ferro . Sebbene il ferro sia un metallo pesante dannoso, aggiunge un piacevole sapore dolce all’acqua. Spesso, dopo essere passati a tubi non metallici o aver aggiunto un pre-filtro per metalli pesanti, può essere presente la mancanza di dolcezza. Di solito dopo una settimana o due, non è più evidente.

L’acqua ha un sapore di pesce o di terra Il sapore di pesce o di terra è generalmente causato da una sostanza organica innocua ed è solitamente associato con l’approvvigionamento idrico superficiale. Per rimuoverlo, ti consigliamo di cambiare regolarmente il filtro ionizzatore d’acqua interno.

Il modo in cui l’acqua profuma di detersivo o di sapone a volte un odore settico. Questo di solito è un’indicazione che è necessario assumere un idraulico o chiamare l’autorità idrica della città. Ciò è causato dalla perdita di un sistema fognario nella tua rete idrica e dovrebbe essere affrontato al più presto.

L’acqua ha un sapore di pesce o di terra L’odore di pesce o di terra, di nuovo, è generalmente causato da una materia organica innocua ed è di solito associato con l’approvvigionamento idrico superficiale. Per rimuoverlo, ti consigliamo di cambiare regolarmente il filtro ionizzatore d’acqua interno.

Odore di uova marce dal rubinetto Idrogeno solforato disciolto nell’acqua di fonte o depositi di zolfo crudo in una situazione di acqua di pozzo. I depositi di zolfo sono presenti in natura e sono comuni in alcune aree. L’acido solfidrico disciolto è il risultato della decomposizione della materia organica in una situazione di acqua grezza, come la materia vegetale in un pozzo (si pensi alle radici degli alberi). Questo gas reagisce in uno ionizzatore d’acqua e può diventare molto più evidente dopo la ionizzazione e viene condensato nel flusso alcalino. Per rimuovere questo gas si consiglia di utilizzare il nostro filtro per l’acqua ionizzata UltraWater

Odore di uova marce solo dall’acqua calda L’ odore di uova marce solo dall’acqua calda è causato dai solfati che reagiscono con l’asta di anodo di magnesio nel sistema di acqua calda, che reagirà per creare idrogeno solforato e fa sì che questo odore sia presente solo quando si utilizza acqua calda . Per rimuovere l’odore di uovo marcio è necessario che un idraulico sostituisca l’asta anodica con una in alluminio.

Cloro o odore chimico Questo odore è di solito causato dalla normale clorazione, o da un’abbondanza di sostanze chimiche nei sistemi idrici municipali trattati o nei pozzi clorurati. Questo viene normalmente rimosso dal filtro interno dello ionizzatore d’acqua, ma se ciò non è sufficiente per rimuovere gli agenti cancerogeni spiacevoli e potenzialmente dannosi si consiglia di utilizzare il nostro filtro per l’acqua ionizzata UltraWater

Il modo in cui l’acqua appare Macchie bianche su pentole e bicchieri Questo è un segno di alta alcalinità, che è esattamente ciò che facciamo con i nostri ionizzatori. Completamente innocuo e nulla di cui preoccuparsi, ma non esteticamente piacevole. Un modo semplice per rimuovere questo è troppo immergere in una soluzione di aceto bianco e acqua. Assicurati di risciacquare tutto l’aceto prima dell’uso.

Roba sospesa nel bicchiere Questo è causato da sedimenti. È comune nell’acqua di pozzo che utilizza le pompe e nelle case più vecchie e nelle cappe vicine. Questo può essere facilmente rimosso dal filtro sedimenti interni degli ionizzatori d’acqua (con ionizzatori come lo ionizzatore d’acqua AlkaViva Jupiter Athena JS205 o lo ionizzatore d’acqua AlkaViva Vesta GL 988) o con la nostra cartuccia di riduzione sedimenti esterni e batteri ( contattaci se interessati)

Macchie verdi su lavandini e infissi Macchie verdi nel lavandino o su altri apparecchi domestici sono causate da acqua acida con un pH di 6,8 o inferiore che reagisce con tubi e raccordi in ottone e rame . La tua scommessa migliore è assumere un idraulico per aggiornarli a un sistema più moderno.

Acqua rossa o giallastra Se l’acqua è limpida quando viene versata per la prima volta ma diventa giallastra o rossastra dopo 24 ore di riposo, c’è ferro non sciolto nell’acqua. Se è giallo o rossastro quando viene versato per la prima volta, ma si schiarisce dopo 24 ore, nell’acqua di origine è presente ferro disciolto. Il ferro è una grande preoccupazione per gli ionizzatori d’acqua in quanto può direttamente causare danni al sistema di elettrolisi del tuo ionizzatore. In entrambi i casi consigliamo di utilizzare il nostro filtro per l’acqua ionizzata UltraWater o con una cartuccia del prefiltro dell’acqua esterna ( contattaci se interessati)

Tinta nera per annaffiare Una tinta nera per annaffiare che si schiarisce dopo 24 ore di permanenza è di solito il manganese disciolto. Questo può essere facilmente rimosso con il nostro filtro per acqua ionizzata UltraWater o con una cartuccia del prefiltro dell’acqua esterna ( contattaci se interessati) Oscuramento, corrosione e appannamento di lavandini, tubi e utensili in metallo. L’oscuramento, la corrosione e l’appannamento di lavandini, tubi e utensili in metallo sono causati da cloruri e solfati (sali) o idrogeno solforato. Entrambi vengono rimossi utilizzando il nostro filtro per acqua ionizzata UltraWater o con una cartuccia del prefiltro dell’acqua esterna ( contattaci se interessati)

Acqua lattiginosa Se l’acqua sembra lattiginosa dopo la ionizzazione, non preoccuparti, questo è causato dal processo di ionizzazione ed è un segno sia dell’alta alcalinità che del micro-clustering. Il micro clustering crea sacche d’aria che possono rendere l’acqua lattiginosa. Anche l’aumento dei minerali alcalini può causare questo effetto. Questo elenco non può in alcun modo sostituire i risultati del lavoro completo sull’acqua effettuato in un ambiente di laboratorio, ma può aiutare a risolvere i problemi in modo rapido e gratuito. Tutti i pre-filtri esterni che forniamo richiedono un alloggiamento del pre-filtro e questi alloggiamenti possono essere eseguiti in sequenza se sussistono più preoccupazioni.

Ho acqua dura o dolce? Qual è la differenza?

Contattaci per scoprire ESATTAMENTE quanto è dura la tua acqua

Articolo originale di snyderhealth.com

 

(Română) Apa ionizata – apa terapeutica

Ci spiace, ma questo articolo è disponibile soltanto in English e Română.